PITEGLIO. TORNANDO SUL RESTAURO DELLA “FONTE DELLE FATE”

La cerimonia di inaugurazione della Fonte delle Fate
La cerimonia di inaugurazione della Fonte delle Fate

PITEGLIO. Riceviamo e pubblichiamo:

Le ragioni del cuore non collimano con quelle dell’apparire e del sembrare, partono da lontano, dalla fanciullezza, dalla giovinezza e dalla constatazione di avere avuto buoni insegnamenti e buoni genitori. Alla faccia dei “gender” e dei loro affini, a cominciare da certi preti.

La notizia, riportata da questo quotidiano, è di quelle apparentemente locali ma “sostanzialmente” pregnante: una famiglia ha voluto ricordare il proprio genitore con una elargizione per il recupero di un antico manufatto (vedi) destinando al suo recupero una somma in denaro.

È una famiglia montanina di nascita e di tradizioni, che ha percorso il tragitto di tante famiglie della montagna; sono partiti poverelli e sono sempre tornati, avendo fatto fortuna, nella loro terra, Piteglio.

Lui, partito come operaio, lei, come si usava dire, “a servizio” in case di signori: un progetto di vita andato a buon fine e senza sbavature.

Piteglio, i cittadini e villeggianti presenti
Piteglio, i cittadini e villeggianti presenti

I figli hanno ritenuto di “dare” in memoria del padre. È un piccolo-grande gesto, ma se lo inseriamo nel più vasto concetto di partecipazione alle proprie radici, al proprio essere ed alla propria provenienza, allora tutto assume un altro significato, quello vero e genuino: di lì si parte, lì si torna, come le pecore portate al pascolo, a turno, o i necci con la ricotta (quando c’era) in attesa di tempi migliori.

Per qualcuno i tempi migliori sono arrivati, per altri no: c’è chi se ne ricorda e chi, scioccamente, cerca di rimuovere un passato che non ha niente di ignobile o di reprensibile.

Questo gesto di montanina nobiltà cui accennavamo ci porta inevitabilmente a considerare quanto i giovani, che la scuola non educa più, al massimo istruisce, a seconda di chi capita loro, pensino solo a prostrarsi al “dio denaro” e a considerare la loro terra come una stazione di partenza senza ritorno.

Insomma l’avvenimento dovrebbe indurre a riflettere e non rimanere un episodio estivo per riempire le locandine degli eventi agostani.

La montagna ha ancora un cuore immenso.

Montanino
che non gradisce pubblicità

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento