piteglio. UNA GIORNATA A JAZZ E PRELIBATEZZE

Il 26 agosto presso l’agriturismo Le Dogane all’antico ponte di Castruccio a Piteglio interessante iniziativa dell’associazione Culturidea e della Fondazione Tronci
Il Ponte di Castruccio e Le Dogane
Il Ponte di Castruccio e Le Dogane

PISTOIA-PITEGLIO. A conclusione del seminario Eat in Jazz con il Michele Marini Trio, il 26 agosto a partire dal primo pomeriggio, presso l’agriturismo Le Dogane in località Lambure 1 a Piteglio (telefono: 0573 69179), ci sarà un’intera giornata dedicata alla musica e al buon cibo.

La manifestazione organizzata in collaborazione con fondazione Luigi Tronci e associazione Culturidea è alla sua prima edizione, ma gli ideatori prevedono che avrà un prosieguo nei prossimi anni.

Ricco è il programma del 26 agosto. La giornata avrà un preludio nel pomeriggio con concerti e improvvisazioni. Questi avranno come protagonisti gruppi e una Jam session finale degli allievi che avranno partecipato ai seminari di strumento.

Nel pomeriggio esattamente come nel dopo cena (gradita prenotazione al numero della struttura per degustare le prelibatezze culinarie) si alterneranno diverse band.

Suoneranno i Groov’Over Trio, composto da Emiliano Gargini al basso, Alessio Burberi alla batteria e Mic alla chitarra. Formatosi da poco, il gruppo, si muove tra le sonorità del jazz più tradizionale a groove del funk, del soul, r’n’b e hip hop, proponendo classici standard e bop, funk e pop riletti e reinterpretati in base alle caratteristiche della band.

Michele Marini Trio
Michele Marini Trio

Michele Marini Organic Trio, questa band del poliedrico clarinettista Michele Marini, già apprezzato da critica e stampa di settore al fianco di Maurizio Geri, Riccardo Tesi e Claudio Carboni, nonché del maestro Gabriele Mirabassi, si inserisce un nuovo progetto dal nome emblematico: il Michele Marini Organic Trio.

Protagonista indiscusso del trio è infatti l’organo. Non il classico organo, ma il caratteristico Hammond, strumento elettronico, dal timbro vibrante ed energico, non consueto da scoprire in formazioni jazz.

Alla guida della sezione ritmica troviamo Lorenzo Frati, giovane pianista-compositore ed Emiliano Barrella, batterista con alle spalle collaborazioni prestigiose in ambito nazionale ed internazionale.

Grazie a queste contaminazioni di sonorità ricercate e variopinte nasce Changemood il primo album del gruppo che contiene composizioni originali firmate da Marini e Frati con interpretazioni di più ampi fraseggi, attinti dal mondo del blues, della world music e dallo scenario della musica internazionale.

Il manifesto
Il manifesto

Il terzo gruppo è quello dei Karmacustik. Questo é un progetto che nasce nel 2015 dall’incontro tra Giorgio Dabizzi e Giulia Bizzarri.

Arrangiamenti originali, interpretazione e trame armoniche sofisticate permettono la rivisitazione di grandi classici italiani ed internazionali in chiave acustica, solo chitarra e voce, accostando le sonorità della bossa e del Jazz Lounge.

Durante le esibizioni pomeridiane, godendo della frescura appenninica sarà possibile degustare specialità della montagna pistoiese e poi dalle 20, sempre con l’accompagnamento musicale, sarà il momento della cena.

[culturidea]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento