poggio. SPARATORIA, LEGA: IL NOMADE COINVOLTO GIÀ PROTAGONISTA DI UN PESTAGGIO NELLO SCORSO LUGLIO

"Basta tolleranza e buonismo: chi vuole rimanere nella nostra società deve rispettare le regole"
Diletta Bresci con Matteo Salvini

POGGIO. Il nomade arrestato per i fatti dello scorso 23 febbraio a Poggio a Caiano, ora ai domiciliari, è stato sottoposto a misura cautelare per essersi reso protagonista di un altro evento criminoso, un pestaggio avvenuto ai danni di un artigiano di Agliana nel luglio passato, pestaggio compiuto assieme ai suoi fratelli.

Ci auguriamo fermamente che la giustizia faccia il suo dovere e che queste persone non si ritrovino libere di scorrazzare per il territorio a compiere atti del genere, come hanno fatto per troppo tempo a quanto pare.

È incredibile  — afferma Diletta Bresci la capogruppo Lega-Fdi — pensare che a luglio questo nomade avesse aggredito violentemente un’altra persona e sette mesi dopo venga trovato a svaligiare una casa.

Se fosse stato in galera, i carabinieri, corsi sul luogo per impedire la rapina, non avrebbero rischiato la vita.

Ribadiamo — concludono i consiglieri Diletta Bresci, Elena Chiti, Stefano Chiti, Valentina Lanzillotto — come verso questi criminali sia necessaria la tolleranza zero”.

[Eliseo Ucci]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email