politica. ITALIA VERSO UN GOVERNO SALVINI — DI MAIO

Carrara: “Berlusconi ha dimostrato grande senso di responsabilità”
Maurizio Carrara

PISTOIA. Giorni di fermento nel Parlamento italiano. Febbrili, intensi, ma anche di grande speranza per il futuro del paese. L’Italia, tra poche ore, potrebbe avere un definitivo accordo tra Matteo Salvini, leader della Lega e Luigi di Maio, Movimento 5 Stelle, per formare il nuovo esecutivo.

Determinante, la posizione presa da Silvio Berlusconi che ha tolto il veto all’eventuale accordo di governo tra le due forze politiche. L’ onorevole Maurizio Carrara, in questi giorni alla Camera dei Deputati, appoggia e sottolinea la posizione deò Presidente di Forza Italia, determinante per far uscire il paese dallo stallo degli ultimi due mesi.

“Prima di tutto il Paese. Sono queste le parole che ci servono, se vogliamo sintetizzare la nota rilasciata dal Presidente Berlusconi. Un passo di lato che ha permesso l’inizio delle trattative per la formazione di un governo politico.

La situazione di stallo si è sbloccata grazie a questo senso di responsabilità, ora non ci resta che attendere i risultati dei prossimi incontri. Un gesto da statista che ha evitato, da una parte un governo di tecnici e dall’altra le elezioni anticipate.

Votare nuovamente, con la stessa legge elettorale, non avrebbe avuto senso: i risultati sarebbero stati pressoché gli stessi e i costi economici e sociali di una nuova campagna elettorale evitabili. Forza Italia ha agito per il bene del paese, il centrodestra rimane unito alla guida di cinque Regioni e di migliaia di Amministrazioni Locali.

Faremo la nostra parte vigilando in Parlamento e portando avanti le istanze del programma elettorale che il 37% degli Italiani ha scelto votando il centrodestra unito”.

[spadoni — ufficio stampa – on. maurizio carrara]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento