politica & magistratura. PEZZENTI, NON MORTI DI FAME, MA MORTI NELLE LORO COSCIENZE E DISPOSTI A TUTTI I COMPROMESSI

Accanto a tanti magistrati integerrimi che fanno e svolgono la loro missione, altri ce ne sono… Ai leccapiedi del centro-destra, vorrei chiedere se, come e quando si siano interessati dei problemi del territorio e con quali risultati


Avessero mai affrontato una sola volta i veri problemi di questa città-carcere! Solo chiacchiere, cianfrusaglie e cambi di giacca


FEDERICO SECONDO IMPERATORE:

MA NAPOLI A PISTOIA CHE DOLORE!


 

Un amico, forse l’unico che ha letto il mio articolo di ieri, napoletano di nascita, mi ha chiesto cosa c’entra la Federico II di Napoli e cosa è.

Gli ho risposto che è la via universitaria privilegiata da Napoli a Pistoia per “catafottersi” del Sud e vivere tranquillamente nella Patria dei Lorena.

Razzista io, dirà qualche cattocomunista deficiente? No, napoletani loro, affermo io. Si può?

Ecco, tornando alla domanda su chi saranno i rappresentanti del centro-destra di Pistoia in relazione a ciò che hanno fatto per il nostro territorio, vorrei sapere se alcuno dei cinque della filibusta (?) politica pistoiese si sia mai interessato, in questi anni, dei problemi del territorio.

Ho anche scritto, e lo ripeto, che niente è da chiedere ai cattocomunisti; furono, erano, sono e sempre saranno, squallidi servi dei loro padroncini di turno.

Agli altri, ai leccapiedi del centro-destra, vorrei chiedere se, come e quando si siano interessati dei problemi del territorio e con quali risultati.

Ne cito alcuni, rammentando a questi servi sciocchi che il loro territorio non è solo Pistoia: Comunità Montana e suoi derivati (carrozzone dell’Unione dei Comuni, Villa Vittoria, etc.), Ospedale di San Marcello non più esistente (ci spiegano cosa significa Piot?), “scandalo” del gommone San Jacopo con annessa, altrove, Casa della Salute, così ben accetta, adesso, dalla vicesindachina di Pistoia?

Oppure il vergognoso stato delle Ville Sbertoli che qualsiasi giudice, non avvezzo a farsi addomesticare, non bambino vestito da cretino, e neppure cretino vestito da bambino, avrebbe ben analizzato, almeno sotto l’aspetto del danno erariale.

Bene, se i giudici che lavorano 25 ore al giorno queste cose non le sanno e leggono questo schifo di quotidiano online, ora le sanno.

Non di rado i cittadini sono giudicati e censurati da giudici pregiudicati che perciò andrebbero tolti dal far danni alla giustizia

Io ho molto rispetto della Magistratura; figuratevi che sono stato condannato per aver dato di “politicamente trombata” ad una “signora” che si era presentata nell’agone politico e che per volontà del “suo popolo” (quello di falce e poco cervello) era stata “fregata” a favore di un’altra.

Naturalmente il giudice che mi ha condannato proveniva dalla Federico II di Napoli e tre giorni prima di giudicare e condannare il sottoscritto per diffamazione, era stato condannato (lui, giudice) a qualche “mesetto” per un reato di camorra.

Lui processa e condanna il sottoscritto; io devo stare zitto? Cari e pochissimi amici che mi leggerete: pecunia non olet.

Accanto a tanti magistrati integerrimi che fanno e svolgono la loro missione, altri ce ne sono. Pezzenti, non morti di fame (con quel che “cuccano”!), ma morti nelle loro coscienze e disposti a tutti i compromessi. Con il contorno di avvocati compiacenti e disponibili…

Per questo, amico Bianchini, ti faranno un fondo schiena come un campo di calcio! Palamara docet. Popolo di centro-destra, guardate bene i personaggi chi vi propongono al voto e poi, ne riparliamo.

Felice De Matteis
[redazione@linealibera.info]


Historia docet asinos et etiam duros hircos


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email