polizia. ATTIVITÀ DI PREVENZIONE DI FURTI E SPACCIO. QUATTRO DENUNCE

Sottoposta a fermo amministrativo una costosa Mercedes classe A. Chi la guidava non aveva mai conseguito la patente

Volanti

PRATO. Continuano i controlli potenziati dalla Questura di Prato e volti a prevenire episodi di microcriminalità locale. L’attività, svolta prevalentemente negli orari serali e notturni in cui l’incidenza dei reati di furto e di spaccio è maggiore, ha condotto nella giornata di ieri a quattro denunce e al fermo amministrativo di un’autovettura.

Nel corso del pomeriggio presso i giardini pubblici in via del Purgatorio sono stati fermati due giovani che, alla vista degli operatori hanno cercato di dileguarsi. Entrambi, senza documenti, sono stati condotti in Questura per i rilievi dattiloscopici dai quali è emerso che i due, venticinquenni di nazionalità marocchina, erano privi di titolo di soggiorno valido. Uno di loro, peraltro, era già stato destinatario di un provvedimento di espulsione e di un Ordine del Questore di Prato a lasciare l’Italia, emesso a marzo di quest’anno, a cui non aveva ottemperato e, per tale motivo, è stato denunciato in stato di libertà.

Nel corso della serata, operatori in servizio di volante hanno notato lungo la via Ferrucci due individui, italiani e pluripregiudicati, di quarantatré e quarant’anni, noti per aver compiuto in passato numerosi reati di furto e contro il patrimonio. Il quarantenne, in particolare, per tali reati è tuttora sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora a Prato e dell’obbligo a permanere nella propria abitazione nelle ore notturne. I due non sapevano dare spiegazioni in merito alla loro presenza in quel luogo e, sottoposti a perquisizione personale, venivano trovati in possesso di strumenti utilizzati per effettuare furti e scassi. Venivano pertanto entrambi denunciati.

Nel corso della notte, inoltre, a bordo di una BMW che transitava in via Filzi sono stati fermati due cittadini cinesi, un uomo di 32 anni, in regola con permesso di soggiorno ma con qualche precedente di polizia, e una donna di 28 anni, totalmente priva di documenti. Quest’ultima è stata condotta in Questura per ulteriori accertamenti dai quali emergeva che non aveva mai presentato alcuna pratica per regolarizzare la propria posizione e, pertanto, veniva denunciata.

Poco dopo, infine, nell’ambito di un controllo di iniziativa, gli operatori notavano una costosa Mercedes classe A  che transitava in zona Soccorso. All’interno venivano identificati due giovani di etnia rom di 25 e 26 anni, ma già vecchie conoscenze della Questura. L’autista alla richiesta di documenti, tuttavia, non era in grado di esibire la propria patente, non avendo mai conseguito il titolo utile per guidare. Per tale ragione veniva sanzionato a seguito dell’inottemperanza alle regole del codice della strada e l’automobile su cui viaggiava veniva sottoposta a fermo amministrativo.

[questura di prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email