POLO SICUREZZA: «NESSUN RALLENTAMENTO. IL PRETESO ‘STALLO’ FA PARTE DELL’ITER PROCEDURALE»

Mauro Lubatti, Prefetto di Pistoia
Mauro Lubatti, Prefetto di Pistoia

PISTOIA. In ordine al comunicato diffuso da tutti i Sindacati di Polizia della provincia di Pistoia (vedi) circa la locazione dell’immobile da destinare a sede della Prefettura, della Questura e della Polizia Stradale, corre l’obbligo di rappresentare quanto segue.

Il preteso “stallo”, nella realtà, corrisponde alle fasi procedurali prescritte per la definizione ed approvazione dei contratti di locazione laddove occorre precisare gli impegni che assume il locatore nei confronti della pubblica amministrazione e la spesa, a carico dei due Dipartimenti del Ministero dell’Interno ai quali competerà di corrispondere il rispettivo canone locativo, nonché tutte le condizioni contrattuali, progettuali ed economiche che regoleranno i futuri, reciproci rapporti.

Allo scopo, una recente riunione con la Ditta costruttrice ha potuto mettere in luce gli aspetti sia formali, in vista della stesura del prescritto “atto di impegno a locare”, a partire dalla esatta individuazione della controparte (leaser finanziario o costruttore), sia sostanziali a causa del ridimensionamento degli spazi, originariamente destinati alla sola Prefettura, ora da condividere con altra amministrazione.

È del tutto evidente che le condizioni in cui versa l’edificio ove è attualmente ubicata la Questura e, ancora di più, l’immobile ove è acquartierata la Sezione della Polizia Stradale – ripetutamente segnalate dal Prefetto per la loro precarietà –, rendono urgente il trasferimento del personale della Polizia di Stato, per cui si confida in una rapida conclusione dell’iter in corso, con la definitiva sottoscrizione dei contratti in argomento.

[ufficio stampa prefettura pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “POLO SICUREZZA: «NESSUN RALLENTAMENTO. IL PRETESO ‘STALLO’ FA PARTE DELL’ITER PROCEDURALE»

Lascia un commento