PORRETTANA. TRA IL SOGNO E L’IMPOSSIBILE

L'Assessore Vincenzo Ceccarelli
L’Assessore Vincenzo Ceccarelli

PRACCHIA. Il Comitato per la Porrettana, dopo le notizie di smantellamento dei binari di scambio in varie stazioni della linea, ha scritto all’Assessore Regionale Ceccarelli:

All’Assessore alla Mobilità della Regione Toscana
Vincenzo Ceccarelli

Gentile Assessore, siamo a chiederle rassicurazioni In merito alle voci (confermate anche da articoli sulla stampa locale) di possibile disattivazione degli scambi di Molino del Pallone, Piteccio e Corbezzi.

Non solo non è vero che tale operazione non avrà ricadute negative sui viaggiatori, perché ogni guasto, ogni ritardo e ogni soppressione vedrà i suoi disagi amplificati dall’impossibilità dei treni scambiarsi per un tratto molto più lungo (da Pracchia km 25 in direzione Pistoia e 14,8 in direzione Porretta).

Soprattutto la mancata funzionalità degli scambi (razionalizzazione e o disattivazione o rimozione, in qualsiasi modo la si voglia chiamare) rappresenterebbe il sigillo all’operazione di taglio delle corse del 2011 eseguita dal suo predecessore chiudendo definitivamente la strada ai propositi di rilancio e sviluppo delle amministrazioni e delle comunità locali.

L’unico servizio possibile sarebbe un servizio a spola (come l’attuale) dove ad esempio un eventuale treno che partisse da Pistoia in direzione Porretta impedirebbe la partenza di un treno dalla stazione Pracchia in direzione opposta finche non fosse giunto alla medesima stazione (ovvero oltre 40 minuti dopo)

Siamo quindi a chiederle di porsi come argine ad ogni tipo di depotenziamento dell’infrastruttura ottenendo anche un impegno formale scritto in tal senso da parte di Rfi.

Le ricordiamo l’esistenza di un protocollo d’intesa tra Regione ed enti locali (DGR 639-11 all. A) che riporta un impegno ben preciso:

la Regione Toscana si impegna a promuovere ogni azione utile e a ricercare possibili soluzioni per il mantenimento della perfetta funzionalità infrastrutturale della linea, in particolare della funzionalità degli incroci ferroviari, anche attivandosi presso Rfi per il perseguimento di tale obiettivo.

Fiduciosi di un suo positivo riscontro le porgiamo distinti saluti.

Il Comitato “Viva la Porrettana Viva”

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento