POVERO PAESE: DI DISOCCUPATI, DI ALLUVIONATI E DI DERBY!

Derby Pistoiese-Prato, 8-11-14. Gli agenti in attesa del treno dei tifosi.
Derby Pistoiese-Prato, 8-11-14. Agenti in attesa dei tifosi

PISTOIA. Non sappiamo se prima dell’incontro, durante e dopo siano successi incidenti. Ma credeteci, il dato, seppur virtualmente cruento, è del tutto irrilevante.

La notizia, sconvolgente, antitetica, fuori da ogni ragionevole giustificazione storica, politica, sociale, morale, umana, è che nel 2014, in piena recessione, con il lavoro saturo di precari e la disperazione di non riuscire a sopravvivere per troppe famiglie, occorre mobilitare un città, pagare straordinari a poliziotti e agenti della strada, per ospitare 430 tifosi (questi i dati numerici offertici da un poliziotto prima che il terno arrivasse) che andranno poi a vedere una semplicissima partita di calcio.

È la cronaca – e le sue amare devastanti considerazioni – di domenica 9 novembre, alle 12:45, alla stazione ferroviaria di Pistoia, dove su un treno proveniente da Firenze e diretto a Lucca sono saliti (tutti muniti di biglietto regolarmente obliterato, possiamo immaginare), a Prato centrale, i supporters del Prato, che sono venuti a Pistoia a seguire l’incontro di calcio tra i loro beniamini del pallone e la Pistoiese; incontro valido per il campionato nazionale di calcio di serie C.

I poliziotti erano tutti in assetto di guerra, perché si sa, la rivalità calcistica fra le due città è antica e rugginosa, da sempre e dunque, per prepararsi al peggio, gli agenti dell’ordine si sono dovuti bardare di tutto punto onde evitare di farsi trovare impreparati.

Derby Pistoiese-Prato, 8-11-14. I tifosi si dirigono verso il piazzale della Stazione
Derby Pistoiese-Prato, 8-11-14. I tifosi si dirigono verso il piazzale della stazione

La preoccupazione, di qualche funzionario in borghese addetto a dirigere le operazioni, era che qualche tifoso, nel piccolo tragitto dal marciapiede uno della stazione fino al piazzale si procurasse qualche sasso, quelli che stanno, appunto, tra i binari. Nessuno ha visto raccogliere sassi; tutti, in compenso, sono rimasti storditi dall’esplosione di due bombe-carta fatte detonare nel giro di pochi minuti l’una dall’altra.

Ad aspettarli, i tifosi biancocelesti (sono i colori sociali del Prato), nel piazzale, c’erano, pagati dalla comunità, proprio come gli straordinari alla celere, cinque pullman di linea, che stipati fino all’inverosimile sono partiti, con i tifosi a bordo, alla volta dello stadio Marcello Melani, dove alle 14:30 ha poi avuto inizio la partita di calcio.

I tifosi avrebbero preferito raggiungere lo stadio a piedi – desiderio espresso con slogan ritmato dal battito simultaneo delle mani –, ma dopo una breve conciliabolo con i funzionari della Questura, si sono lasciati convincere di servirsi, gratuitamente, dei mezzi pubblici messi a loro disposizione.

Derby Pistoiese-Prato, 8-11-14. I tifosi in attesa di salire sui pullmann per lo stadio
Derby Pistoiese-Prato, 8-11-14. In attesa di salire sui pullmann per lo stadio

In questo breve frangente temporale siamo stati accerchiati da cinque, sei tifosi del Prato, che hanno preteso e ottenuto che mostrassimo loro le foto che avevamo, fino a quel momento scattato, assicurandoli che non eravamo agenti dell’ordine, ma solo dei giornalisti e che in nessuna di queste foto c’era la ricerca di qualche primo piano di uno dei tifosi. La piccola digitale non ci è stata prelevata, ma solo a patto che da qual momento in poi, non l’avessimo più usata.

Viste le anomale temperature atmosferiche e lo spropositato numero di passeggeri (nessuno dei quali ha pagato la corsa), i pullman, una volta riempiti di tifosi, sono stati costretti a partire diretti allo stadio con le portiere aperte.

Da uno di questi, alla partenza, uno dei tifosi ha sferrato un calcio ad un cartello stradale; forse innervosito, chissà, dal fatto che il tanto agognato scontro, almeno fino a quel momento, non era avvenuto.

Ma il pomeriggio era appena iniziato: mai dire mai, soprattutto un ultrà, del Prato, della Pistoiese e di ogni squadra di calcio, beninteso!

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “POVERO PAESE: DI DISOCCUPATI, DI ALLUVIONATI E DI DERBY!

  1. LA PISTOIESE PRECISA
    _______________________

    Buonasera direttore. In relazione all’articolo, di cui si allega il testo, a firma di Luigi Scardigli, pubblicato sulla testata Linee Future, ci preme segnalare almeno una imprecisione. La frase cui ci riferiamo è: “nel piazzale, c’erano, pagati dalla comunità, proprio come gli straordinari alla celere, cinque pullman di linea”.
    Precisiamo che: “i pullman non erano a carico della comunità, ma a carico dell’Us Pistoiese 1921”.
    La ringraziamo dell’attenzione.
    Stefano Baccelli
    Addetto Stampa e Relazioni Esterne Us Pistoiese 1921
    _________________________
    Caro Baccelli, ecco fatto, direbbe il Sindaco di Pescia Giurlani. La ringraziamo della precisazione, anche se non era necessario che ci rinviasse il nostro stesso articolo.
    e.b.

Lascia un commento