pracchia in musica. LE COLONNE SONORE DEI FILM AL PARCO DI VILLA LANDOR

Secondo appuntamento per il festival musicale martedì 18 agosto alle 17 con “La Musica tra parole e immagini”. il Trio Calliope, formato da: Gian Marco Solarolo, oboe, Alfredo Pedretti, corno, e Cristina Monti, pianoforte

PRACCHIA. [M.F.] Pracchia in Musica Festival, promosso dall’Associazione Filarmonica Alto Pistoiese (Afap), prosegue con il secondo appuntamento, dedicato alle colonne sonore dei grandi film.

Grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e di Pescia e alla collaborazione con la chiesa di San Lorenzo, la settima edizione del Festival, martedì 18 agosto ore 17, nel Parco di Villa Landor a Pracchia presenta il Trio Calliope, formato da Gian Marco Solarolo, oboe, Alfredo Pedretti, corno, e Cristina Monti, pianoforte.

ALBERTO SPINELLI, DIRETTORE ARTISTICO

“Li abbiamo invitati perché avevano un programma, dedicato alle colonne sonore. A Pracchia da anni esiste un certo interesse per il cinema e si era pensato di omaggiare Federico Fellini nel centenario della nascita eseguendo alcune colonne sonore dei suoi film scritte da Nino Rota” dice il direttore artistico, Alberto Spinelli.

“Dopo tutto quel che è successo, siamo stati felici di aver potuto confermare questo concerto interamente dedicato alla musica per film. Ci saranno brani di Nino Rota, Michael Nyman e di Ennio Morricone, un omaggio dovuto al grande compositore recentemente scomparso”. Nel programma, intitolato La Musica tra parole e immagini, il carattere inconfondibile dell’America “di Morricone” risuonerà grazie a questa formazione che raramente si trova nei concerti e che unisce due splendidi strumenti a fiato, l’oboe e il corno, entrambi per la prima volta a Pracchia, e il pianoforte” spiega Alberto Spinelli.

IL TRIO CALLIOPE

Trio Caliope

L’ensemble Calliope nasce nel 2000 come trio strumentale, con l’intento di valorizzare il repertorio originale per oboe, corno e pianoforte del periodo romantico.

In seguito, grazie alla collaborazione con alcuni compositori, il trio allarga i suoi orizzonti includendo nei propri programmi pregevoli trascrizioni di significativi autori del Novecento.

I componenti dell’ensemble, dopo i relativi diplomi presso i Conservatori di Milano e di Torino, hanno frequentato corsi di perfezionamento a Fiesole, ai Wienermeisterkurs, all’Accademia Perosi di Biella, al Conservatorio Reale di Musica di Bruxelles e al Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano.

L’ensemble ha tenuto centinaia di concerti in Italia per associazioni quali “Arion” di Sanremo, Sant’Eustorgio Musica di Arcore, Ars Antiqua di Sestri Levante, Rassegna “Piemonte in Musica” per “Rivoli Musica”, “Melzo Musica”, Festival Internazionale di Musica “Portofino Classica”, “Musica Aperta” di Gorizia, Festival Pianistico e Cameristico Biellese, Tres Incontri d’estate, Agimus, I Venerdì di Villa Carlotta, Amici dell’arte di Lugo e di Russi (Ravenna) e molte altre.

I componenti dell’ensemble da anni svolgono intensa attività artistica in tutta Italia e all’estero, collaborando anche con formazioni orchestrali quali l’Orchestra del Teatro alla Scala, la Filarmonica della Scala, l’Orchestra del Teatro “La Fenice”, l’Orchestra Sinfonica di Milano “G. Verdi”, l’Orchestra Sinfonica della Rai, I Pomeriggi di Milano, l’Orchestra Stabile di Bergamo e di Como, Milano Classica, Musica Rara, l’Orchestra della Svizzera Italiana, il Tactus Ensemble, l’Ottetto Classico di Milano ed altre.

È stato recensito nel 2014 da Radio 3 nella trasmissione “Primo Movimento” e da Radio Classica il Cd del trio Calliope Un soffio di Romanticismo dedicato a musiche di Mendelssohn e Reinecke.

Il Parco di villa Landor a Pracchia [Fotografia dalla pagina Facebook di Pracchia in Musica]

CRISTINA MONTI

“Quando finivamo i nostri concerti come bis eseguivamo un tema famoso di qualche film” spiega Cristina Monti.

Ci siamo accorti che piaceva moltissimo sia al pubblico, sia a noi. Così ci è venuta l’idea di creare un intero programma dedicato ad alcune celeberrime colonne sonore e la cosa ha avuto molto successo. I due strumenti a fiato hanno un suono molto morbido, pur suonando a diverse altezze, il pianoforte interviene con la sua scrittura più complessa. Il risultato è che sembra di ascoltare quasi un’orchestra”.

Un programma perfetto per l’estate, che ha il pregio di diffondere la conoscenza di un repertorio sul quale ancora si discute.

“Per noi la musica creata per un film, se è scritta da un compositore capace, e quelli che presentiamo certamente rientrano nella categoria dei grandi, può vivere di vita propria.

Ascoltarla senza vedere le immagini significa avere un altro approccio, ma questi brani da soli funzionano benissimo.

Quando la musica vale suscita emozioni, indipendentemente dal contesto, dal genere. E quando eseguiamo il tema de Il Padrino o di C’era una volta il West o de La vita è bella sentiamo che nel pubblico risuona qualcosa di profondo”.

INFORMAZIONI

Concerto ad ingresso libero.

I posti sono distanziati e vengono seguite le vigenti normative per la prevenzione del Corona virus. In caso di maltempo il concerto si terrà nelle strutture parrocchiali.

E-mail: pracchiainmusica@gmail.com

Cell.: 328 182 2550

Facebook: www.facebook.com/pracchiainmusica

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email