prato. CENTRO SCIENZE NATURALI, 275MILA EURO PER L’AREA A VERDE

182170768_640PRATO. Il Comune ha vinto il bando regionale, relativo al Programma di Sviluppo Rurale (Psr), per la riqualificazione dei boschi del Centro di Scienze Naturali di Galceti, finalizzato al ripristino dei danni causati alle foreste dal vento del 5 marzo 2015 quando erano caduti circa ottanta alberi e gran parte delle recinzioni.

“Diamo gambe e una nuova immagine al percorso di valorizzazione del Centro di Scienze Naturali– ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Filippo Alessi –. Non lo facciamo con progetti faraonici ma attraverso una progettualità basata su interventi realizzabili, che prevedono l’intercettazione di tutti i possibili finanziamenti esterni. Con quest’operazione è come se avessimo risparmiato un anno di finanziamenti comunali per il Csn. Vogliamo incrementare le risorse senza correre il rischio di sprecarne”.

L’area a verde del Csn, pari a 18 ettari circa, verrà ampliata di circa 15 ettari. È stato così creato uno spazio più grande in cui saranno piantumati circa 170 alberi, per la precisione lecci, querce e cipressi, e saranno installate delle nuove recinzioni per un costo complessivo di circa 275 mila euro.

L'assessore Alessi
L’Assessore Alessi

“Con le nuove recinzioni gettiamo le basi per tornare ad operare in alcuni ambiti, come quello del recupero della fauna selvatica – ha dichiarato il presidente del Centro di Scienze Naturali Marco Morelli –. Come dimostrato da uno degli ultimi incontri pubblici sulla nascita del Parco delle Scienze e della Cultura, c’è un interesse ancora vivo affinché gli animali siano presenti.

“I processi e i sequestri degli ultimi anni, così come il ritorno delle competenze amministrative dalla provincia alla Regione e la conseguente assenza di un interlocutore, non hanno certamente aiutato”.

Nel bilancio comunale 2017 è previsto un milione di euro come contributo al Centro di Scienze Naturali. “È necessario per partecipare al progetto europeo Life del Ministero dell’Ambiente e cercare di ottenere un altro milione e mezzo di euro – spiega ancora l’assessore Alessi –. L’idea che Villa Fiorelli possa diventare la nuova casa del Csn, non ci dispiace. Per questo la partecipazione a questo bando sarà il prossimo passaggio. Non prevedere nuova cementificazione nel Parco ma utilizzare le strutture esistenti ci sembra il modo migliore per dare uno sviluppo senza impattare troppo sull’ambiente”.

“Il finanziamento regionale intercettato e quello comunale del 2017 non hanno certamente precedenti negli ultimi 15-20 anni – ha aggiunto il presidente Morelli –. Villa Fiorelli può permetterci di ridisegnare le funzioni in una visione d’insieme. La presenza lì di un ostello, che desideriamo mantenere, è per me un elemento fondamentale sia per lo sviluppo del turismo naturalistico, che in relazione all’accorpamento con il Museo di Scienze Planetarie e le attività di osservazione celeste notturna”.

[comune prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento