prato. FUMI IRREGOLARI, CHIUSA AZIENDA DEL MACROLOTTO DUE

La ditta a cui sono stati messi i sigilli 1
Il capannone dell’azienda chiusa

PRATO. La Municipale e Arpat hanno messo i sigilli per fumi irregolari a una ditta cinese in via Fonda di Mezzana, che effettua attività di rifinizione tessuti in conto terzi.

La titolare dell’azienda, W.S. di anni 51, è stata denunciata in stato di libertà per violazioni alla normativa ambientale. I Vigili del Fuoco e l’Asl hanno riscontrato anche violazioni alla normativa antincendio e sicurezza sui luoghi del lavoro.

Al momento del controllo dai macchinari in funzione proveniva un odore acre che si diffondeva sia nell’ambiente lavorativo che in quello circostante. Le segnalazioni giunte agli organi di controllo da parte di alcuni cittadini sono quindi risultate fondate.

Nella ditta, inoltre, stavano lavorando sei operai, il cui contratto lavorativo è al vaglio dell’Ispettorato del Lavoro, con particolare riguardo al monte ore.

L’azienda, nonostante operasse dal 2015, non si era mai regolarizzata dal punto di vista delle autorizzazioni ambientali e, in particolar modo, non si era mai dotata dell’impianto di abbattimento, necessario per impedire il diffondersi in atmosfera di esalazioni nocive.

I fumi pertanto sarebbero stati immessi nell’aria senza le opportune procedure di trattamento. I rifiuti, infine, venivano gestiti senza i corretti riscontri documentali.

[comune prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento