prato & illeciti. SEQUESTRATO IMPIANTO DI RECUPERO DI CASCAMI TESSILI

L'impianto di recupero 1
Prato. L’impianto di recupero. 1

PRATO. Un impianto di recupero di cascami tessili nel Macrolotto 0 dove in realtà si rivendevano gli scarti senza alcun trattamento.

È quanto ha scoperto la Polizia municipale durante un controllo interforze eseguito nella zona del Macrolotto 0 nell’ambito del contrasto alla gestione illecita di rifiuti.

A seguito degli accertamenti effettuati dal Nucleo Ambientale della Polizia Municipale congiuntamente al dipartimento Arpat di Prato è emerso che l’attività veniva svolta in locali in precarie condizioni igienico sanitarie e senza effettuare le dovute pratiche d’igienizzazione dei cascami tessili, stipati all’interno dell’immobile in grandi quantitativi e contenuti all’interno di sacchi neri provenienti dalle varie confezioni e pronto moda della città e che quindi sono da considerarsi come “rifiuti speciali non pericolosi”.

In pratica venivano messi in vendita materiali qualificabili ancora come rifiuti e non come materiale recuperato e trattato, sottoponendoli ad una operazione di recupero solo fittizia.

L'impianto di recupero 2
Prato. L’impianto di recupero. 2

Durante i controlli sono state riscontrate anche numerose violazioni in materia di normativa antincendio e sicurezza sui luoghi di lavoro dal personale degli altri enti intervenuti, nonché la presenza di un lavoratore a nero. Sono stati quindi apposti i sigilli all’azienda e il titolare, C.X. , cittadino cinese di 44 anni, è stato deferito all’autorità giudiziaria per smaltimento illecito di rifiuti e per utilizzo dei locali in difformità a quanto autorizzato.

L’attività fa parte di un programma annuale di interventi interforze, mirati sulle aziende a maggior impatto ambientale, svolti con la collaborazione anche di Arpat.

In quest’ambito sono già stati condotti sei controlli dall’inizio dell’anno, che hanno coinvolto due aziende di recupero rifiuti, due stamperie, una tintoria e una lavanderia industriale.

Dagli interventi sono scaturite cinque comunicazioni di notizie di reato e due sequestri di aziende per violazioni alla normativa ambientale.

[edr – comune prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento