PRATO, LE IMPRESE CINESI CONTRIBUISCONO PER L’11 % AL PIL PROVINCIALE

Gianfranco Simoncini
Gianfranco Simoncini

PRATO. Le imprese cinesi possono essere un valore aggiunto per l’economia pratese e toscana. Per questo è necessario proseguire sulla via dell’integrazione, sociale ed economica della comunità cinese, tenendo al tempo stesso ferma la barra sul rispetto delle regole e della legalità.

A sottolinearlo è l’assessore alle attività produttive credito e lavoro Gianfranco Simoncini in sintonia con quanto emerge dal secondo rapporto Irpet (Istituto per la programmazione economica in Toscana) sulle relazioni transnazionali delle imprese cinesi di Prato e sul loro contributo all’economia della provincia. Il rapporto è stato presentato ieri a Prato nel salone consiliare della Provincia.

“I numeri che emergono dal rapporto – ha detto Simoncini – ci dicono che la comunità cinese contribuisce per l’11 per cento al Pil provinciale, 705 milioni, e gli investimenti valgono l’8 per cento, ovvero 125 milioni. Una realtà che si trova, ricorda l’Irpet, ancora in una fase delicata, con elementi critici, ma anche potenzialità da sfruttare. Numeri che ci confermano nell’attenzione e nelle scelte fatte per valorizzare questo contributo che, se ancora oggi è vissuto in maniera problematica dal territorio, rappresenta tuttavia una risorsa e un’opportunità per promuovere lo sviluppo del distretto nel suo insieme. Le imprese cinesi rappresentano infatti un naturale ponte verso l’immenso mercato della Cina, come ha capito l’esperienza significativa del progetto di Cna world China”.

L’assessore Simoncini ha ricordato le tappe di un percorso che la Regione ha intrapreso per affrontare con forza il problema della sicurezza sul lavoro e affermare il rispetto delle regole, con un progetto mirato partito lo scorso anno e che prevede, entro il 2016, il controllo di 7.700 aziende tra Prato , Firenze e Pistoia. Un progetto lanciato dopo il rogo della Teresa Moda, in cui il 1 dicembre 2013 persero la vita sette operai cinesi che nella fabbrica lavoravano, vivevano e dormivano. Un progetto che ha portato ad assumere 74 ispettori delle Asl per tre anni e che prevede anche un patto (Patto lavoro sicuro) per la regolarizzazione ed emersione delle imprese non in regola, con il coinvolgimento delle associazioni di categoria e degli ordini professionali.

Vigili del fuoco nei capannoni del cinesi a Prato
Vigili del fuoco nei capannoni del cinesi a Prato

“Grazie questo sforzo – ha spiegato Simoncini – sostenuto dalla collaborazione con le forze dell’ordine, sta emergendo una positiva tendenza all’adeguamento e alla messa a norma. La lotta all’illegalità è prima di tutto e soprattutto difesa dei diritti e della salute. Sarebbe intollerabile rivivere drammi come quello di 2 anni fa e per questo saremo intransigenti. Consapevoli anche del fatto che la lotta all’illegalità è, al tempo stesso, umo strumento per favorire promuovere il futuro dell’economia e delle imprese dell’area”.

I NUMERI

I cinesi a Prato sono il 9 per cento di tutta la popolazione, anche se i residenti ‘veri’ potrebbero benissimo essere 40-45 mila contro i soli 17mila iscritti all’anagrafe. Consumano (e spendono) per 172 milioni di euro, che è il 5 per cento del totale (e dunque la metà del loro peso demografico). Ma la comunità cinese contribuisce per l’11 per cento al Pil provinciale, 705 milioni, e gli investimenti valgono l’8 per cento, ovvero 125 milioni.

[barbara cremoncini – toscana notizie]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “PRATO, LE IMPRESE CINESI CONTRIBUISCONO PER L’11 % AL PIL PROVINCIALE

  1. I CINESI, IL PIL E LE ANALISI DI SUPERFICIE
    ____________

    Riflettendo meglio…
    Per essere realisti, la cosa più giusta e più saggia sarebbe non limitarsi all’evidenza, come ormai tutti fanno in questa Italia disfatta, ma studiare a fondo il problema sui due versanti:
    1. quanto danno, con la loro presenza, le aziende cinesi alla provincia di Prato in Pil
    2. quanto hanno tolto, con la loro presenza, le aziende cinesi alla provincia di Prato in Pil
    e determinare anche quanta occupazione italiana hanno creato o disfatto.
    Tutto questo piuttosto che stare a ripetere, come i pappagallini della Regione, che la soluzione a tutti i mali è stata trovata, se dio vuole.
    Ripeto e sottolineo che i politici andrebbero mandati a casa – e ricondizionati tra fornelli, lavatrici e bagni da pulire con Lysoform.
    E che al loro posto dovrebbero essere messe le massaie che fanno la spesa alla Coop ogni giorno: se ne intendono di più.
    Certamente, comunque, direbbero meno castronerie…

  2. Caro Edoardo la tua osservazione non fa una piega .Il 31 maggio le massaie hanno la loro opportunità .Se continuano a votare lo stesso simbolo va bene cosi.AUGURI. Pratesi cercale almeno di INTEGRARVI……..

Lascia un commento