prato. PALAZZO PRETORIO TRA I MUSEI CIVICI PIÙ VISITATI IN TOSCANA

Palazzo Pretorio di Prato
Il Palazzo Pretorio di Prato

PRATO. L’assessore Simone Mangani ricorda che nel 2015 i visitatori del Museo di Palazzo Pretorio sono stati 25.334. Soltanto 3963 di questi hanno acquistato il biglietto per le mostre con ingresso separato dal Museo, pertanto la collezione permanente è stata visitata dall’85% del totale dei visitatori del Palazzo.

Secondo il Rapporto Musei 2014, il 78,8% dei musei toscani registra meno di 20mila visitatori (il 25,% di questi è sotto la soglia dei mille ingressi), il 10,6% è tra i 20mila e i 50mila ingressi (tra cui il Museo di Palazzo Pretorio, appunto) e solo il 3% supera i 500mila ingressi.

Riguardo agli ingressi gratuiti, precisa l’assessore Mangani, “sono il 39%, al di sotto delle media regionale, che è del 46%, e di poco superiore a quella nazionale, che è del 35%”. Gli ingressi ridotti, invece, sono legati principalmente all’età dei visitatori e alla convenzione stipulata con Unicoop Toscana a favore dei soci.

“Altro dato interessante”, spiega ancora Mangani, “è quello relativo al biglietto ridotto/residenti, che rappresenta il 28% dei visitatori che hanno usufruito dell’agevolazione sull’ingresso”.

“Un Museo vive non soltanto grazie alle esposizioni temporanee ma anche e principalmente vive grazie alla conservazione del patrimonio, alla relazione con le altre istituzioni, all’attività didattica, che sta particolarmente a cuore a questa amministrazione. Come si può vedere dai numeri reali”, aggiunge l’assessore Mangani.

“Nel 2015 siamo di fronte ad un andamento positivo, al quale ha contribuito, anche la mostra ‘Synchronicity’, della quale il M5S chiede di conoscere i dati. La mostra, che si è inaugurata il 25 settembre 2015 e ha chiuso i battenti domenica 10 gennaio 2016, ha registrato 7.513 visitatori”.

L’assessore riserva poi una considerazione conclusiva al Comitato scientifico, l’organo consultivo chiamato a dare un via libera anche ai progetti espositivi: “Prima di lanciarsi in spericolate considerazioni su chi sia chiamato a scegliere i progetti di mostra, sarebbe opportuno leggere le biografie dei componenti del Comitato.

“Si tratta di un consesso di primissimo ordine che ha molto da insegnare, non solo ad un amministratore che può solo giovarsi di una simile occasione di collaborazione, ma anche ai consiglieri del M5S”.

[lm – comune prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento