prato. PARCO CENTRALE, CANTIERE APERTO

I rappresentanti di comune e usl davanti al vecchio ospedale
I rappresentanti di Comune e Usl davanti al vecchio ospedale

PRATO. La realizzazione del parco centrale di Prato è l’opera pubblica più importante di questo mandato amministrativo.

Per questo motivo Asl e amministrazione comunale intendono operare quotidianamente “sotto gli occhi” di tutti i cittadini. E non si tratta di un’espressione metaforica, in quanto sarà costruito sul lato dei giardini di Sant’Orsola un padiglione da dove sarà possibile seguire il cantiere aperto.

La firma della convenzione
La firma della convenzione

“Il Parco centrale deve essere un progetto da condividere con tutta la città, un’occasione per Prato di far conoscere il proprio territorio a livello nazionale e internazionale, rilanciando l’immagine di una città che deve essere apprezzata per le tante meraviglie che custodisce – sottolinea il sindaco Matteo Biffoni –. Già con il concorso abbiamo avuto un riscontro di come un parco di queste dimensioni all’interno delle mura antiche sia un progetto così eccezionale da avere un riscontro positivo in tutta Europa e oltre. È importante ricordare che rilanciare l’immagine di Prato è importante perché può portare benefici anche in termini economici”.

Il padiglione verrà realizzato con materiali di recupero provenienti dalla demolizione selettiva del Misericordia e Dolce e resterà aperto fino all’inaugurazione del Parco centrale di Prato nei primi mesi del 2019.

“In questa struttura potranno per esempio essere esposti tutti i progetti inerenti l’area e saranno visibili diagrammi indicanti gli stati d’avanzamento dei lavori aggiornati in tempo reale, così che chiunque potrà facilmente conoscere nel dettaglio il cronoprogramma dell’operazione, le fasi del cantiere, le tecniche utilizzate, i materiali impiegati – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Valerio Barberis –. Non solo, il padiglione si affaccerà sul cantiere e da questo si potranno, in sicurezza, osservare e monitorare sia i lavori di demolizione sia quelli di costruzione del parco”.

I progetti
I progetti

Inoltre il padiglione potrà essere utilizzato per incontri pubblici nei quali i progettisti potranno prima ascoltare le istanze di tutti i cittadini e poi illustrare gli stati d’avanzamento dei cantieri.

“Il tema del riuso sarà fondamentale in questa operazione, così come lo è in altri progetti che portiamo avanti – sottolinea l’assessore alla Comunicazione Benedetta Squittieri –. Oggi con l’Azienda sanitaria Toscana Centro abbiamo firmato un protocollo che permetterà di mettere in campo un progetti di comunicazione comune che si rivolge innanzitutto ai cittadini pratesi per i quali ci sarà una costante informazione sui progetti e i lavori che verranno portati avanti, ma anche verso chi Prato non la conosce e deve scoprirla”.

Oltre a questa operazione rivolta in primo luogo a tutti cittadini e ai residenti a Prato, infatti, sarà sviluppato un progetto di comunicazione specifico che sappia cogliere quest’occasione unica per parlare della nostra città in tutta Italia e nel mondo.

Il Comune di Prato e l’Azienda sanitaria Toscana Centro firmano oggi una convenzione per avviare un percorso di comunicazione trasparente condiviso: grazie alle risorse dell’Ausl, infatti, verrà realizzato il padiglione per il “cantiere aperto” che permetterà ai pratesi, ma non solo, di avere sotto gli occhi tutti i lavori.

Inoltre la comunicazione sulla nascita del Parco Centrale di Prato è l’occasione per far conoscere la città a livello internazionale in un’ottica assolutamente positiva.

[edr – comune prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento