prato. UN OSPEDALE PICCOLO PICCOLO

Il nuovo ospedale di Prato
Il nuovo ospedale di Prato

PRATO. C’era una volta un ospedale piccolo piccolo: quello di Prato che, col suo gemello di Lucca, si presentava come insufficiente fin dal primo vagito del suo progetto.

Lo ricorda, oggi che il Pd fa mea culpa mentre pensa a una nuova ala che faccia finalmente spiccare il volo al nuovo ospedale Santo Stefano, il vicepresidente della commissione sanità del Consiglio regionale della Toscana Stefano Mugnai (capogruppo di Forza Italia) che – insieme al coordinatore provinciale degli azzurri a Prato Erica Mazzetti – lancia l’affondo: «Questo Pd si ingioiella con le patacche, e lo spreco poi lo paga la gente.

Stefano Mugnai
Stefano Mugnai

Perché questo nuovo ospedale, realizzato come i suoi altri tre colleghi di project financing più per far vanto all’ex assessore alla sanità e oggi governatore Rossi che per qualificare l’ospedalità toscana, è troppo piccolo per due ordini di motivi: perché è piccino davvero e perché manca tutta la rete di sanità territoriale a fargli da necessario supporto, esito, prodromo e corollario. Quand’è che verranno finalmente realizzate, come prevede il sistema sanitario per intensità di cura?».

Per Forza Italia non c’è dubbio: «Con questa operazione il Pd si dimostra una volta di più per ciò che è, ovvero un partito che governa solo quanto gli è funzionale a generare consensi, con operazioni alla bell’e meglio, studiate a tavolino e non modulate sui bisogni territoriali.

«Oggi c’è in vista il referendum, e la sanità locale – incalzano Mugnai e Mazzetti – viene utilizzata come congresso interno al Pd con i renziani contro Rossi; e chissà se dopo il 4 dicembre dell’ampliamento annunciato si sentirà ancora parlare… Se questa è una condotta deprecabile sempre, in sanità diviene addirittura lesiva dei diritti delle persone.

«E intanto i soldi pubblici si spendono, e poi si rispendono per rimediare ai malestri di quando si sono spesi la prima volta. In più ci sono i costi per demolire il vecchio ospedale. Chi paga? I cittadini, sia in solido che quanto a disservizi».

[stefano mugnai]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento