prato-via foscolo. SIT-IN CONTRO LA CHIUSURA DEL PARCHEGGIO

Stasera sit-in contro la chiusura del parcheggio libero
Ospedale di Prato. Stasera sit-in contro la chiusura del parcheggio libero

PRATO. [a.b.] Stasera, martedì 13 settembre, dalle 21, in via Foscolo si terrà un sit-in pacifico contro la chiusura del parcheggio libero e gratuito vicino all’ospedale “perché il diritto alla salute è un diritto di tutti, non solo per coloro che possono permettersi di pagare il parcheggio”.

Al sit-in sono invitati a partecipare tutti i cittadini di Prato con striscioni, vernice e pennelli.

Intanto dopo la segnaletica posta alcuni giorni fa oggi l’area è stata transennata con pali in vista dell’apertura del cantiere per la nuova viabilità in via Foscolo.

Come è successo a Pistoia anche Prato sta applicando l’accordo di reciprocità firmato assieme a Pistoia e Massa con Gesat che a fronte di una riduzione delle tariffe prevedeva l’eliminazione di qualsiasi forma di parcheggio gratuito fuori dalle aree ospedaliere.

c20adfd2c766113c54b19849f12d6ac49b20ef88
L’area è stata già transennata

“Stasera intendiamo ribadire – spiegano Paolo Pastacaldi e Filippo Fabozzi (da facebook) – l’inequità del pagamento del ticket per il parcheggio interno all’ospedale Santo Stefano perché il concessionario ha già contratti per 19 anni sulla gestione del servizio di pulizia, giardinaggio, mensa e servizio lavaggio biancheria.

Inoltre Ge. Sat percepisce anche i ricavi provenienti dalla produzione di energia elettrica prodotta dai pannelli fotovoltaici posti a copertura dei posti macchina all’interno dei parcheggi dell’area ospedaliera”.

Con il sit-in i cittadini intendono sottolineare che non si specula sui malati e sulle loro famiglie.

Leggi anche: http://www.linealibera.info/prato-via-foscolo-il-sindaco-risposte-dopo-anni-di-attese/

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento