PREFETTURE E CAMERA DI COMMERCIO INSIEME PER TUTELARE LA LEGALITÀ NEL SISTEMA ECONOMICO LOCALE

Sottoscritto dai prefetti di Pistoia e Prato l’Accordo di collaborazione per favorire la legalità e la trasparenza dell’attività d’impresa

Prefetti di Pistoia e Prato e la Presidente della Camera di Commercio

PRATO. È stato sottoscritto oggi a Prato, dai Prefetti di Pistoia e Prato, Gerlando Iorio e Adriana Cogode, dalla Presidente della Camera di commercio di Pistoia-Prato, Dalila Mazzi, un Accordo di collaborazione per favorire la legalità e la trasparenza dell’attività d’impresa, finalizzato a favorire la prevenzione e il contrasto di infiltrazioni criminose nelle attività di impresa nei territori delle province di Pistoia e Prato, valorizzando l’uso e l’alimentazione degli strumenti informatici e le potenzialità delle banche dati disponibili.

Grazie all’accordo, in particolare, la Camera di commercio metterà a disposizione delle Prefetture, delle Questure e dei Comandi Provinciali dei Carabinieri di Pistoia e Prato (la Guardia di Finanza già dispone di strumenti analoghi) l’accesso gratuito alla piattaforma informatica denominata “Rex– Regional Explorer”, prezioso strumento di monitoraggio delle attività economiche presenti sul territorio e delle loro ramificazioni che consentirà di incrementare l’efficacia dell’azione di prevenzione e contrasto dei tentativi di infiltrazioni malavitose nel tessuto imprenditoriale locale. È un sistema innovativo di indagine e di intelligence che permetterà di conoscere meglio le dinamiche economico — societarie delle imprese che operano sui territori, sfruttando il patrimonio informativo proveniente dal Registro delle Imprese con l’obiettivo di individuare possibili fenomeni di illegalità in campo economico.

“Grazie all’utilizzo di questo strumento informatico potremo valorizzare il fondamentale patrimonio informativo della Camera di commercio per potenziare l’incisività delle azioni di contrasto alla criminalità organizzata a tutela delle imprese sane del territorio – ha detto il Prefetto di Prato, Adriana Cogode – a testimonianza di una compattezza istituzionale sul fronte della legalità, oggi ancor più necessaria per il rischio che gli ingenti finanziamenti del Recovery Fund possano attrarre soggetti economici inquinati dalla criminalità organizzata”.

L’incontro di stamani

“In questo senso, l’accesso alla banca dati Rex – ha detto il Prefetto di Pistoia, Gerlando Iorio – potrà rivelarsi determinante nell’incrementare la qualità dell’attività di prevenzione antimafia delle Prefetture sul territorio che, peraltro, si unisce, nella strategia di cooperazione trasversale inaugurata recentemente a Pistoia, all’estensione alle Associazioni di categoria della partecipazione alle riunioni del Gruppo Interforze Antimafia.

Grazie a questo rinnovato gioco di squadra, infatti, si evidenzia come nelle scorse settimane — e per la prima volta nel territorio pistoiese — sono state adottate due informative interdittive antimafia sulla scorta delle attività di ricerca delle cointeressenze e dei collegamenti in essere tra alcune attività produttive locali e la criminalità organizzata, sottolineando ancor di più la necessità di strumenti e mezzi incisivi nella lotta alla delinquenza mafiosa” .

“Promuovere la legalità del territorio e le relative sinergie istituzionali sono obiettivi che la Camera di commercio di Pistoia-Prato si è posta sin dalla sua nascita, mostrando una grande sensibilità sul tema a tutela delle proprie imprese — commenta Dalila Mazzi, Presidente della Camera di commercio di Pistoia-Prato — Mettere in campo azioni che favoriscano le condizioni di legalità non è solo una questione etica ma anche economica: un “sano” sviluppo del sistema economico locale è condizione imprescindibile per la crescita competitiva delle imprese del nostro territorio”.

[Camera di Commercio di Pistoia-Prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email