«PRESIDENTE, CHE FINE HANNO FATTO I CONTI CORRENTI BANCARI DELLA COMUNITÀ MONTANA?»

Graziella Cimeli, per il “Comitato recupero ammanco”, scrive a Federica Fratoni. «Esistono, agli atti, i documenti contabili della Cassa di Risparmio, tesoriere dell’ente disciolto?»
Federica Fratoni, Presidente della Provincia
Federica Fratoni, Presidente della Provincia

PISTOIA. Dopo le ultime novità in campo per le vicende della ex-Comunità Montana – e ci riferiamo esplicitamente alla riammissione in servizio di Roberto Fedeli, dirigente licenziato per i rilievi avanzati dalla commissione di disciplina – il Comitato per il recupero ammanco, con in testa la sua portavoce Graziella Cimeli (conta 1500 firme di cittadini derubati), ha scritto, oggi, 16 aprile, alla Presidente della Provincia Federica Fratoni, ponendo una serie di domande che non possono non inquietare in relazione alla gestione dei conti correnti bancari della ex-Comunità disciolta.

Domande a cui la portavoce chiede una risposta alla dottoressa Fratoni:

 

Dott.ssa Fratoni Federica
Presidente della Provincia di Pistoia
Piazza San Leone 1 51100 Pistoia
e per conoscenza alla Stampa

 

Sig. Presidente:

la presente per significarle il nostro crescente stupore e la corrispondente preoccupazione in merito alle notizie di cronaca che riguardano la ex Comunità Montana, passata per legge sotto la cura della Provincia.

Abbiamo sempre sostenuto che il terminale di tutte le nefandezze compiute non può esaurirsi con l’ammissione di colpa di una singola persona, per quanto reo confesso ed abbiamo sempre sostenuto che altre e superiori responsabilità debbono venire alla luce.

Poiché il Tribunale di Pistoia non ci ha ammesso al processo come parte civile, ammettendo invece la Provincia, ci rivolgiamo a Lei per chiedere ciò che avremmo voluto chiedere in sede processuale e che la stessa Relazione Eller, terminata o fatta terminare con una tempistica alquanto sospetta e con la scusa della mancanza di fondi per poter condurre a fine l’indagine, lascia presupporre.

Ci auguriamo anche che “S.G.”, rimasto solo per rinuncia al mandato del suo difensore possa trovare un nuovo avvocato che contribuisca all’accertamento vero della verità che inevitabilmente comporterebbe anche l’accertamento di altri ed ulteriori ambiti di responsabilità, allargati ad altri eventuali personaggi; insomma la vera verità.

Il Comitato questo ha sempre perseguito e cercato tanto più considerando che scorrendo gli atti a suo tempo ricercati sul sito della ex Comunità Montana, non abbiamo trovato delibere che autorizzassero la chiusura degli eventuali conti correnti bancari intestati alla medesima.

 

E gli assegni? E gli estratti-conto?
E gli assegni? E gli estratti-conto?

Ci permetta quindi, Presidente, di formulare a Lei queste semplici domande:

esistono agli atti estratti conto dell’Ente Cassa di Risparmio, tesoriere della ex Comunità Montana?

se non esistono, chi ha autorizzato la chiusura dei conti correnti intestati alla Comunità Montana e con quale atto formale? E chi, eventualmente ha personalmente operato presso la banca per la chiusura dei conti correnti?

Nella documentazione in possesso alla Provincia dovrebbe esserci sicuramente la risposta a questi quesiti che, come ben comprenderà, rappresentano una importantissima traccia di indagine anche amministrativa per arrivare ad una più completa verità.

Il Comitato confida nella Sua cortese risposta perché vorremmo tranquillizzare noi stessi e tutti coloro che ci hanno appoggiato in questo cammino, che la politica seria esiste ancora e collabora con la Magistratura per l’accertamento della verità a trecentosessanta gradi.

Senza sconti ad alcuno.

In attesa di un Suo cortese cenno di riscontro, inviamo i più sinceri ringraziamenti.

Distinti saluti.

P. il Comitato promotore
“Recupero Ammanco Comunità Montana”
Via Molino Rettori 159 – 51028 San Marcello Pistoiese
Graziella Cimeli

Scaruica la lettera: Al Presidente della Provincia di Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “«PRESIDENTE, CHE FINE HANNO FATTO I CONTI CORRENTI BANCARI DELLA COMUNITÀ MONTANA?»

  1. Direttore: ieri avevo già letto l’articolo sul Suo giornale. Oggi lo rileggo su La Nazione che ha tagliato,però,il riferimento all’abbandono legale del G.S. mentre nel suo articolo si auspica che il medesimo trovi un avvocato valido che lo possa seguire nel suo procedimento davanti alla legge. Non ritiene sia sospetta e poco professionale questa “cassata”? E’ solo prassi di voi giornalisti? Grazie.

  2. Caro Bonacchi, che vuole…?
    Ognuno adopera i suoi ‘metodi anticoncezionali’. Credo che lei lo sappia, se è adulto.
    Stavolta, per questa vicenda, hanno preferito il famoso «coitus interruptus».
    Del resto, se lei è di Pistoia, certi metodi li avrà visti anche in politica.
    S[p]esso e volentieri – che era anche un famoso titolo di film, se non sbaglio.
    Cari saluti e continuai a leggerci!
    EB

Lascia un commento