presidio maestre. CHECCUCCI (FDI): «È ORA DI ROMPERE IL SILENZIO»

Tutti si schierarono  in maniera netta e chiara , a tratti violenta,  ma -mi chiedo - era in ballo il futuro lavorativo di qualcuno? Venivano azzerati i diritti? Si parlava di licenziamento?
Emanuela Checcucci

PISTOIA. È  ora che i sindacati confederali della scuola  , i dirigenti scolastici, gli  stessi docenti di ruolo diplomati rompano il silenzio.
Ricordo ancora -e nessuno potrà smentire- gli scioperi, le mozioni all’interno dei collegi dei docenti, le raccolte firme dei genitori invitati dagli stessi insegnanti,   le occupazioni nei locali scoladtici  da parte degli studenti e dei professori  ,   gli scioperi a singhiozzo   che c’erano per protestare contro la riforma Gelmini.
Tutti si schierarono  in maniera netta e chiara , a tratti violenta,  ma -mi chiedo – era in ballo il futuro lavorativo di qualcuno? Venivano azzerati i diritti? Si parlava di licenziamento?

Addirittura in alcuni istituti comprensivi della provincia  di Pistoia , come in altre città italiane,  furono  approvati  dal collegio dei docenti e nei consigli d’istituto, documenti contro la riforma Gelmini del governo Berlusconi.

Oggi invece tutti zitti: dai docenti diplomati con contratto a tempo indeterminato, ai  sindacati Cgil, Cisl Uil , dagli stessi dirigenti scolastici,  ai politici di sinistra.

È chiaro e palese che il silenzio è di stampo politico: la sinistra quella che aizzava i genitori e i docenti a sfilare nelle piazze,   che promuoveva  scioperi e manifestazioni contro il governo Berlusconi é la stessa  che ha assunto ,qualche anno dopo , a tempo indeterminato  migliaia di docenti ed ora  licenziate dallo stesso.

Certo è ,che se questa situazione fosse accaduta sotto un governo di centro destra non avremmo assistito a questo silenzio assordante e preoccupante : non oso immaginare che cosa sarebbe successo!

Capisco l’imbarazzo di tutti coloro che ruotano nel mondo della scuola, ma credo che sia il caso di fare un passo indietro e capire che la situazione è grave e che questa realtà potrebbe creare un precedente: “Il posto fisso” d’ora in poi  lo potremmo forse  vedere nel film di Checco Zalone.

Da martedì 8 maggio ci sarà a Pistoia  un presidio davanti all’ufficio  scolastico provinciale in via Mabellini ed auspico che siano presenti dirigenti scolastici della provincia di Pistoia,  docenti di ruolo, genitori, associazioni per dare  solidarietà alle maestre diplomate e che gli stessi dirigenti scolastici, in sinergia con  i sindacati confederali e con i politici a partire dal presidente della Regione Rossi,  e dall’assessore regionale Cristina Grieco, si attivino fattivamente  per tutelare i diritti acquisiti cancellando   i provvedimenti di depennamento  dalle graduatorie ad esaurimento :  un licenziamento che non ha precedenti nella storia della scuola.
Ora basta con le chiacchiere:  l’ITALIA è una repubblica fondata sul lavoro i cui diritti vanno tutelati.

Emanuela Checcucci
Docente di scuola primaria e consigliere comunale di FdI Pistoia.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento