PROVINCIA. AVVOCATURA A CORTO DI PERSONALE, PIÙ RESPONSABILITÀ AI FUNZIONARI

Dovranno occuparsi anche delle ingiunzioni fiscali e dell’attività di difesa nei giudizi di primo grado per i contenziosi di opposizione a sanzioni amministrative
Il palazzo della Provincia
Il palazzo della Provincia

PISTOIA. [a.b.] L’avvocatura provinciale presenta una grave carenza di organico e per questo è stata disposta una limitazione dell’attività stragiudiziale. Ciò non comporterà tuttavia nessuna assunzione di spesa. Da settembre scorso l’avvocato Lucia Coppola ha preso servizio presso l’Usl 3 di Pistoia e dal prossimo 1° maggio l’avvocato Paola Pupino andrà in pensione.

Resteranno pertanto in servizio solo gli avvocati Beatrice Cecchi e Rubina Tabani, coadiuvate per le attività di segreteria dalla dipendente part time Silvia Biancalani. La contrazione dell’organico si accompagna anche ad un non trascurabile incremento dei contenziosi registrato nell’ultimo anno anche in sede penale che impegnano i legali assegnati alla struttura.

“L’aumento delle cause pendenti – scrive la stessa dottoressa Pupino – è da ascriversi sia al notevole contenzioso relativo alla disciolta Comunità Montana dell’Appennino Pistoiese nel quale è subentrata la Provincia di Pistoia, sia alla situazione di incertezza circa le sorti dell’Ente, che inevitabilmente induce quanti abbiano pendenze di vario genere con esso ad attivarsi con sollecitudine. È evidente – aggiunge – che la cura del contenzioso giudiziale riveste massima priorità essendo ogni singolo giudizio scandito da termini processuali da rispettare rigorosamente onde evitare di incorrere in decadenze di sorta. Essendo pertanto indispensabile e prioritario garantire la continuità e la qualità della difesa legale dell’Ente in sede contenziosa occorre inevitabilmente limitare le attività ulteriori e collaterali dell’avvocatura”.

Con un decreto del presidente della Provincia Federica Fratoni è stato deciso che l’attività di difesa nei giudizi di primo grado inerenti i contenziosi di opposizione a sanzioni amministrative (ex legge n, 689/10981) dovranno essere svolte d’ora in avanti dal Funzionario che ha adottato il provvedimento opposto. È stata poi confermata la sospensione dell’attività di consulenza interna e la revoca del decreto con cui la dirigente dell’avvocatura era stata incaricata della redazione delle ingiunzioni fiscali.

“Alla luce dei più recenti approdi dottrinari e giurisprudenziali i quali hanno chiarito che la competenza all’adozione del suddetto strumento di riscossione coattiva è da ascriversi al dirigente responsabile dell’entrata da recuperare mentre resterà demandata all’avvocatura la difesa della Provincia nelle eventuali cause di opposizione all’ingiunzione fiscale. Il servizio Affari Generali, Assistenza Organi, Ufficio di presidenza del consiglio, stampa, informazione e immagine, pari opportunità, cooperazione internazionale, personale, sport, provveditorato ed economato dotato di idonea struttura relativa a “Gestione strategica dell’acquisizione di beni e servizi e presidio delle attività amministrative del Servizio” si occuperà anche dell’attività di gestione dei sinistri coperti da polizza assicurativa con tutela legale anche successiva alla notifica di atto di citazione in giudizio.

Vedi: http://www.provincia.pistoia.it/AttiProvincia/AlboPretorio/testi/pdf/AP150404.PDF

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento