PROVINCIA DI PISTOIA, POSSIBILE DISSESTO

Rinaldo Vanni
Rinaldo Vanni

PISTOIA. Le organizzazioni sindacali e la Rsu della Provincia di Pistoia in data odierna, 6 luglio, hanno inviato una lettera aperta al presidente della Provincia, a tutti i consiglieri provinciali ed ai sindaci per denunciare la mancanza di informazioni in merito al possibile dissesto dell’ente e chiedendo urgentemente un incontro con l’amministrazione per conoscere gli effetti che tale procedura avrà sui servizi erogati e sui dipendenti della struttura.

La speranza è che non ci siano perdite di posti di lavoro o mancata erogazione degli stipendi, considerato anche i numerosi dinieghi ai trasferimenti in altre amministrazioni.

Nel contempo sono stati contattati i politici locali e nazionali affinché si attivino con il Governo per ridurre i nuovi pesanti tagli che, se confermati, porteranno al dissesto ben sette province toscane su nove con il conseguente commissariamento degli enti e pesanti ricadute negative sui servizi (mancato taglio dell’erba, buche sulle strade, rischio chiusura laboratori scolastici ed inadeguata sicurezza degli edifici scolastici); è stato chiesto al presidente Vanni la riaffissione dello striscione tolto dall’amministrazione nei mesi scorsi, visto il grande valore simbolico che per la comunità rappresenta: la lotta dei lavoratori delle province toscane per i servizi!

In questo stesso comunicato stampa vogliamo denunciare anche l’amarezza per l ‘ impossibilità di un confronto aperto con l’amministrazione in merito al nuovo assetto organizzativo giudicato da queste organizzazioni sindacali e dalla Rsu troppo autoreferenziale. Nonostante il rischio del dissesto, la Provincia ha pensato ad aumentare le figure apicali su servizi di supporto a scapito dei servizi essenziali per il cittadino!

[fp cgil – cisl fp – uil fpl]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento