provincia. IL GIURAMENTO DEL NEO PRESIDENTE LUCA MARMO

"Sebbene sia superata la fase di emergenza le Provincie non sono ancora fuori dal guado"
Il giuramento di Luca Marmo

PISTOIA. Cerimonia di giuramento per il neo Presidente della Provincia Luca Marmo nel Consiglio Provinciale di venerdì.

Dopo il formale accertamento della insussistenza di cause di incompatibilità ed inconferibilità dell’incarico elettivo, il Presidente ha declamato la formula di rito giurando fedeltà alla Costituzione nell’assolvimento del proprio mandato.

La Provincia come “casa comune dei Comuni” a cui restituire il ruolo che è le proprio di ente di coordinamento territoriale e a cui ridare la necessaria dignità istituzionale ed economica, su questi temi ha posto l’accento il Presidente della Provincia nell’intervento con cui ha inaugurato la prima seduta del Consiglio Provinciale, che si è insediato venerdì.

Marmo nel suo discorso ha sottolineando l’importanza di voler collaborare con tutti i Consiglieri per una comunitaria esperienza di governo dell’Amministrazione di piazza san Leone.

Il Palazzo della Provincia di Pistoia

Rivolgendosi ai Consiglieri neo eletti, il Presidente ha tenuto a precisare che, sebbene sia superata la fase di emergenza, le Province non sono ancora fuori dal guado.

Marmo ha detto di voler lavorare per tutto il territorio e di voler rafforzare il rapporto con tutti i Sindaci.

Durante la seduta sono stati convalidati anche i consiglieri provinciali eletti lunedì 8 aprile scorso.

Il nuovo consiglio è così composto: Alessandro Cenerini (lista Provincia Pt Civica); Nicola Tesi, Ferdinando Betti, Gabriele Giacomelli, Alessio Torrigiani e Marzia Niccoli (lista Democratici e Progressisti); Jacopo Vespignani, Gabriele Gori, Francesca Capecchi, Patrizia Manchia (lista Provincia per tutti).

[provincia di pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email