PUGGELLI CONSEGNA LE CHIAVI DI PALAZZO VESTRI ALLA PRESIDE DEL DAGOMARI

Lo storico edificio in piazza Duomo ospiterà la succursale della scuola durante l’intervento di adeguamento sismico che interesserà la sede di via Reggiana il prossimo anno

Il taglio del nastro

PRATO. Ieri mattina il presidente della Provincia Francesco Puggelli ha consegnato a Claudia Del Pace, dirigente dell’istituto Dagomari, le chiavi dii palazzo Vestri. L’edificio della ex Stella d’Italia diventerà infatti la succursale della scuola per tutto il periodo in cui la sede del Dagomari sarà oggetto dell’importante intervento di adeguamento sismico finanziato con 3,5 milioni di fondi PNRR.

Accoglierà dieci aule e due laboratori, sufficienti per far fronte all’esigenza della sede di via Reggiana, dato che il cantiere sarà mobile e pensato per non dover chiudere completamente l’istituto.

“Oggi, (ieri per chi legge, ndr) consegnando alla preside Del Pace le chiavi di questo luogo, ho compiuto un gesto che sintetizza il lavoro di questi quattro anni da presidente della Provincia”, commenta Puggelli.

Il sopralliogo a Palazzo Vestri

“Facendo il bilancio delle opere compiute in questi anni, posso dire che questa mi rende particolarmente orgoglioso e rappresenta diversi aspetti del lavoro svolto per la città. Siamo partiti dall’esigenza di far fronte alla crescita della popolazione scolastica e, in parallelo, di ristrutturare e rinnovare gli edifici delle scuole pratesi. Grazie al lavoro degli uffici della Provincia, non solo ci siamo aggiudicati 12 milioni di fondi PNRR per le scuole, ma siamo stati la prima provincia toscana a far partire le gare. Da questa esigenza è però emersa anche una grande opportunità: portare in centro storico la vivacità dei ragazzi che verranno a studiare qui, portando senza dubbio un valore aggiunto a piazza duomo e a tutto il centro di Prato”.

Al taglio del nastro hanno partecipato anche la vicepreside del Dagomari Cristiana Cecconi, l’assessore regionale Stefano Ciuoffo, l’assessore del Comune di Prato Benedetta Squittieri ed il vescovo Giovanni Nerbini.
“Questa è la piazza più importante della città – afferma Squittieri – e ridare vita a questo palazzo rimasto a lungo vuoto è un passo importante per Prato. Ci impegniamo da tempo per non far svuotare il centro storico e farlo vivere durante tutto l’arco della giornata: portare la scuola in centro diventa un modo per far vivere il centro in maniera positiva”.

La Provincia di Prato ha ottenuto fondi del PNRR per l’edilizia scolastica rivolti a tre diversi istituti: oltre al Dagomari c’è infatti la realizzazione della nuova succursale del Copernico e della ecoscuola al polo di San Paolo.

Uno degli spazi interni

Lo scadenzario dei progetti finanziati dal PNRR prevedeva entro il 31 dicembre 2022 l’individuazione delle ditte ed entro marzo 2023 la cantierizzazione.

Venerdì – durante un incontro tra il ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ed il presidente di UPI Michele de Pascale – è stato annunciato dal ministro lo slittamento di questa scadenza, che appare fra i provvedimenti adottati. Ci sarà tempo fino al prossimo settembre per assegnare i lavori finanziati dal PNRR.
“Ci troviamo quindi in anticipo sui tempi per i lavori alla sede del Dagomari – conclude Puggelli – e questo ci consente di avviarli durante l’estate anziché a marzo, così da creare meno disagio a studenti ed insegnanti che dovrebbero traslocare a metà anno scolastico. Palazzo Vestri è quasi pronto, mancano solo alcuni piccoli interventi per l’antincendio e il posizionamento degli arredi: a breve quindi la scuola potrà iniziare a utilizzarlo trasferendo gradualmente gli uffici, mentre gli studenti arriveranno qui a settembre con il nuovo anno scolastico”.

[provincia di prato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email