“QUADRI SHAKESPEARIANI” AL PICCOLO TEATRO BOLOGNINI

Domani, 23 maggio, alle 21
Quadri Shakespeariani. 1

PISTOIA. Nuovo appuntamento per la rassegna “La scuola in scena” al Piccolo Teatro Mauro Bolognini. Martedì 23 maggio (ore 21), sarà la volta del Liceo Artistico “P. Petrocchi” di Pistoia con lo spettacolo Quadri Shakespeariani, progetto del Laboratorio “C’è una parte per me?”; l’adattamento e la regia sono di Lorenzo Galletti, la professoressa Caterina Savasta è responsabile didattico del progetto.

Tanti gli attori in scena: Sabrina Bagagli, Palma Caiazza, Valentina Calia, Noemi Calistri, Anna Calvi, Abramo Carretti, Sara Ciaramella, Giada Delle Piagge, Eleonora Domenicali, Caterina Fineschi, Roberto Fontani, Elena Frezza, Linda Geirola, Alessandra Incoronato, Laura La Porta, Gianni Leggio, Isabella Leoncini, Beatrice Livi, Flora Lombardo, Caterina Magni, Greta Melis, Igea Militello, Elisabetta Pastacaldi, Martina Pisini, Noemi Puntorno, Sofia Semeraro, Viola Trupo.

I testi selezionati si concentrano sui personaggi femminili, quasi mai protagonisti nei titoli del Bardo, ma sempre centrali, e non a caso tante volte rivitalizzati da immortali interpretazioni di grandi attrici, soprattutto nell’Ottocento e nel primo Novecento. Gli studenti e i professori del liceo “Petrocchi” propongono una lettura corale, partecipata, di cinque grandi donne shakespeariane: Desdemona, Ofelia, Caterina, Lady Macbeth, Giulietta.

“Quadri shakespeariani non ha la pretesa di essere un classico come nelle definizioni calviniane – spiega il regista Lorenzo Galletti – ma conserva l’ambizione di raccontare una storia a noi nient’affatto estranea, di ammonire e scuotere, di mostrare delle evidenze polverose, di soffiare una nota di speranza. È un inno alla bellezza, alla forza, all’intelligenza della donna, che ancora, in tutte le culture, porta il peso di un peccato primordiale, quello di Lady Macbeth; la donna che è condotta ai limiti della follia da amori malati, sottomessa o uccisa. La nostra speranza è custodita nella genuinità dell’amore di Giulietta, che ha gli anni delle ragazze in scena; Giulietta che è altrettanto genuinamente corrisposta dal suo Romeo e la cui passione nessuna guerra tra gli uomini può o deve intralciare. William Shakespeare per me e per i ragazzi e i professori del liceo Petrocchi è stato un formidabile alleato, un compagno fedele e generoso. Che ancora una volta ha confermato l’universalità della sua scrittura, le cui pulsazioni mantengono quel ritmo accelerato tipico delle grandi opere d’arte e che si trasmette a chiunque le avvicini con rispetto e coraggio”.

Quadri Shakespeariani. 2

La rassegna è promossa dall’Associazione Teatrale Pistoiese, con la collaborazione dei Comuni di Pistoia e Monsummano Terme ed il sostegno di Regione Toscana, Mibact e Unicoop Firenze e, nell’anno di Pistoia Capitale Italiana della Cultura, taglia il traguardo della XIX edizione.

Il programma completo della rassegna è consultabile su sito www.teatridipistoia.it. Info e prevendita 0573 991609 – 27112 www.pistoia17.it.

[marchiani – atp]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento