quarrata. CRESCONO LE ISCRIZIONI, IL COMUNE PROPONE L’ACQUISTO DELL’EX ASILO DI CASINI

Per far fronte alla richiesta di ulteriori spazi per l’istituto comprensivo Nannini è previsto in futuro il trasferimento a Casini della scuola per l'infanzia di Vignole
L’ex asilo di Casini

QUARRATA. L’Istituto Comprensivo Mario Nannini di Vignole necessita da tempo di nuovi spazi per la propria attività didattica; esigenza, questa, divenuta impellente nell’ultimo periodo per il significativo incremento delle iscrizioni.

Alla richiesta di spazi, più volte espressa dalla dirigente scolastica dell’Istituto, l’Amministrazione ha trovato una soluzione: il Comune intende acquistare l’ex asilo di Casini di via Statale 517, di proprietà delle Suore Minime del Sacro Cuore di Poggio a Caiano, attualmente non utilizzato.

La proposta è stata portata ieri sera all’attenzione della Commissione Consiliare Affari Generali, riunita in forma congiunta con quella competente in materia di Lavori Pubblici, e sarà discussa nel corso della prossima seduta del Consiglio Comunale di martedì 23 luglio.

Sono soddisfatto – afferma il sindaco di Quarrata Marco Mazzanti – dell’accordo trovato con la proprietà del plesso, che permetterà al Comune di acquisire un immobile molto grande, in buono stato e praticamente già pronto per accogliere una scuola.

In questo modo potremo dare una risposta rapida e soddisfacente alle richieste di spazi che ci vengono dall’Istituto Comprensivo di Vignole.

Inoltre questa operazione darà il via alla riqualificazione dell’intera area, con la realizzazione di un nuovo giardino pubblico, di cui oggi l’abitato di Casini è sprovvisto, dando così una risposta anche agli abitanti della frazione”.

Una soluzione immediata ed economicamente vantaggiosa.

La scuola media di Vignole

Secondo l’Amministrazione comunale, alla luce delle relazioni tecniche dei competenti uffici comunali, l’acquisto del plesso sarebbe la soluzione più economica e più immediata al problema della mancanza di spazi manifestato dall’Istituto Comprensivo.

Non sarebbe altrettanto rapida, né economica, invece, la costruzione ex novo di un edificio, che richiederebbe diversi anni di tempo e una spesa maggiore: il costo stimato dai tecnici per la realizzazione di un nuovo plesso è infatti di oltre 3 milioni di euro, mentre l’acquisto dell’ex asilo di Casini andrebbe a costare al Comune 650.000 euro, a cui dovrebbero essere sommati circa 400.000 euro di spese di adeguamento e manutenzione.

Le caratteristiche dell’ex asilo di Casini.

L’edificio, costruito negli anni ‘50, consiste in due piani di oltre 400 mq ciascuno, un sottotetto comodamente accessibile, e un giardino in parte lastricato, dotato di un porticato di circa 30 mq, accessibile dalla via Statale attraverso due cancelli, uno pedonale e uno carrabile.

La struttura, che fino a circa 5 anni fa ospitava un nido e una scuola per l’infanzia privati, è adesso in buono stato di manutenzione e dotata di cucina attrezzata e di impianti regolarmente certificati.

L’area esterna è in buono stato e necessiterà soltanto di una pulizia ordinaria della vegetazione cresciuta negli ultimi anni. Il grado di sicurezza sismica dell’edificio, già discreto, potrà essere adeguato attraverso alcuni altri interventi per una spesa stimata di circa 350.000 euro. Sarà inoltre necessario prevedere la manutenzione di alcuni infissi ed un adeguamento dei presidi antincendio (spesa prevista di euro 50.000).

Tempi e trasferimenti.

L’edificio asilo di proprietà dell’Istituto Minime Suore del Sacro Cuore

Ancor prima dell’acquisto dell’immobile, l’Amministrazione ha stipulato con l’attuale proprietà un accordo per il momentaneo trasferimento (a partire da settembre) delle classi della scuola per l’infanzia Bruno Munari di via Cino interessata da lavori di adeguamento sismico.

Durante l’estate, dunque, saranno già eseguiti a carico dell’Amministrazione alcuni interventi necessari a permettere la collocazione temporanea all’interno della scuola di queste classi. Nel frattempo si procederà a concludere gli atti di compravendita dell’immobile.

Una volta conclusi i lavori alle Bruno Munari, il plesso di Casini tornerà ad essere libero e a quel punto potrà essere messo a disposizione dell’Istituto Comprensivo di Vignole. L’orientamento è quello di trasferire all’interno della nuova scuola di Casini la scuola per l’infanzia che ha sede a Vignole e di utilizzare gli spazi attualmente occupati dalla scuola dell’infanzia per ampliare la scuola primaria di secondo grado.

Un’occasione di riqualificazione dell’intera area.

L’acquisizione e la riqualificazione della scuola sarà, secondo l’Amministrazione, un’occasione per riqualificare l’intera area, che già oggi presenta luoghi di aggregazione e di incontro per la comunità, a partire dalla vicina chiesa.

Sul retro della scuola, inoltre, vi è un parcheggio pubblico, che potrà essere utilizzato dai genitori e dagli insegnanti e vi è anche un’area già di proprietà del Comune di Quarrata, che potrebbe essere riqualificata e diventare un giardino pubblico attrezzato a servizio dell’intera comunità di Casini.

[comune di quarrata]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email