quarrata. DEPURATORE DI CATENA, LA LEGA NORD: NON ACCETTIAMO LEZIONI DA FIORELLO GORI !

Il depuratore di Catena

QUARRATA. Giancarlo Noci, capogruppo consiliare della Lega Nord di Quarrata e la consigliera Pamela Colombo intervengono in riferimento all’intervento fatto dal consigliere Fiorello Gori (gruppo H109) nella seduta del consiglio comunale di Quarrata del 26 luglio scorso riguardo al tema della dismissione del depuratore di Catena.

« Vogliamo precisare che è e sarà sempre una nostra priorità interessarsi anche di quelle che per qualcuno sono opere minori. Come se per il solo fatto di esistere non necessitassero di manutenzione, protezione o migliorie.

Siamo consapevoli dell’esistenza di collettori fognari che scaricano nei campi. Che Valenzatico, Barba, Ferruccia, Vignole, Caserana e Casini sono prive di depuratore. Sono tutti argomenti da noi trattati con i residenti ben prima della campagna elettorale.

Le parole del consigliere Gori quando a tale proposito afferma “più interessanti del cattivo odore della Catena, con buon rispetto di tutti e del consigliere Noci” minimizzano un problema che va molto a ritroso negli anni, con conseguenti rimpalli di responsabilità tra Amministrazione comunale e Publiacqua.

Giancarlo Noci

Liquidarlo con tale parole porta a chiederci: ma tutte le problematiche che adesso ci sbatte in faccia ,il consigliere Gori non le aveva viste nei cinque anni in cui è stato seduto sia tra le fila della maggioranza che dell’opposizione? Anche allora esistevano e quasi nulla è stato fatto !

Quindi, per favore, non ci venga ora a dare lezioni! Non si parli di “bandierine messe in consiglio comunale e bandierone messo in Consiglio Regionale”.

Per quanto riguarda il depuratore di Catena, per noi della Lega Nord sono importanti i passi fatti da quegli schieramenti politici che se ne sono occupati, quelli che come noi danno valore al cittadino.

Ciò che cerchiamo sono risposte ufficiali e ci sono state date a livello territoriale e regionale.

Di queste risposte l’Amministrazione Comunale si fregerà o ne risponderà in base a quanto attestato. Sarà mia e nostra premura pretendere altre risposte.

Ci opereremo, ricordando che politicamente non siamo soliti a barricate inutili e controproducenti, ma saremo fermi nel pretendere il bene della cittadinanza, fosse anche solo quello di un singolo cittadino o di una singola situazione in cui si possa operare per aiutare a fare chiarezza .

Pertanto sia chiaro che per la Lega Nord gli abitanti di Catena non sono una popolazione né privilegiata, né di serie B e quindi obbligata a vivere nei miasmi. Continueremo a monitorare gli eventi .

Gruppo Consiliare Lega Nord di Quarrata

Noci Giancarlo – Pamela Colombo 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “quarrata. DEPURATORE DI CATENA, LA LEGA NORD: NON ACCETTIAMO LEZIONI DA FIORELLO GORI !

  1. Gianni Nocera, capogruppo consiliare M5S a Quarrata scrive:

    Il depuratore è stato oggetto di sopralluogo da parte dell’europarlamentare Fabio Massimo Castaldo, del consigliere regionale Giacomo Giannarelli, con i tecnici di Publiacqua, Gianni Nocera, consigliere comunale M5S Quarrata e il vicesindaco Romiti nella fine di aprile.
    Publiacqua ha già chiarito che a fine anno partirà la gara d’appalto per collegare il depuratore a Seano. Tutto il resto sono chiacchiere o scuse per voler mettere il cappello su cose di cui si sa già il risultato

  2. Rosanna Crocini scrive su fb:

    Ora si parla di possibili collegamenti Agliana si collega a Prato Quartata a Seano vuol dire che oggi non c’è depurazione anzi tanto collettori di Publiacqua versano nei fossi e nei fiumi alcuni anche senza permesso di deroga regionale .

    LORO POSSONO E POSSONO ANCHE RISCUOTERE LA DEPURAZIONE ANCHE DOVE NON C’È. CHI CONTROLLA?

    Al cittadino non è dato controllare ma se i comuni fossero meno compiacenti con il gestore e ascoltassero di più i cittadini a cui chiedono il voto forse si pagherebbero cifre più eque dell’acqua e avremmo servizi efficienti, invece si fanno 30 milioni di utili e si dimezzano gli investimenti se vi sembra giusto continuiamo così

Lascia un commento