quarrata. DISMISSIONE DELL’INCENERITORE DI MONTALE, QUAL È LA POSIZIONE DEL COMUNE?

Presentata una interrogazione dal gruppo consiliare della Lega Nord Toscana

L’inceneritore di Montale

QUARRATA. [a.b.] “Quale è la posizione del sindaco e della giunta in merito alla imminente dismissione dell’inceneritore di Montale prevista per il 2023 anche alla luce delle diverse ipotesi di riconversione ventilate dal dottor Edoardo Franceschi, amministratore unico di Cis Spa, apparse recentemente sugli organi di stampa e ribadite nel corso della Commissione congiunta”. 

Questo il quesito al centro di una interrogazione presentata dalla Lega Nord Toscana all’ordine del giorno della seduta del consiglio comunale in programma stasera.

“Alla quinta commissione Lavori Pubblici, Ecologia e Ambiente del comune di Agliana del 2 febbraio scorso estesa con diritto di parola ai sindaci, alle giunte, ai commissari delle analoghe commissioni e ai capigruppo consiliari dei Comune di Quarrata e Montale – scrivono i consiglieri Stefano Nigi e Giancarlo Noci – non hanno partecipato né il sindaco né la giunta e neppure i consiglieri di maggioranza fatta eccezione del presidente della Commissione Ecologia e Ambiente Lisa Innocenti”.

Da quanto illustrato dal dottor Franceschi  “le ipotesi sulla riconversione dell’inceneritore di Montale sono tutte realizzabili” ma sarà necessario considerare da parte dei Comuni le reali necessità della Regione Toscana e di Ato oltre alla salvaguardia dei trenta posti di lavoro e ad un piano finanziario solido”.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email