QUARRATA E I DANNI DA ALLUVIONE

«Sempre la stessa storia: non tutto viene riconosciuto e risarcito». Considerazioni generali e problemi. Il 6 maggio incontro con i Sindaci di Pistoia e Quarrata
Via di Mezzo all'acqua
Via di Mezzo all’acqua

QUARRATA. Daniele Manetti e Niccolò Lucarelli  (Comitati contro le alluvioni e Legambiente), concordi nel difendere il singolo cittadino dalle alluvioni e dal rischio idrogeologico, intervengono con il comunicato che segue:

Da un primo sopralluogo nelle abitazioni colpite dalle alluvioni, dopo le precipitazioni del 5 gennaio 2014, del 30 gennaio 2014 e del 10 febbraio 2014, che sono state le ultime di una serie di perturbazioni che ormai si ripetono da molti anni, è stato possibile constatare che diverse abitazioni sono in uno stato di degrado drammatico e pericoloso e presentano i seguenti problemi, riepilogati nel sottostante quadro generale, inoltre parecchi danni non sono riconosciuti e contemplati nei moduli che sono stati presentati presso gli uffici competenti del Comune di Quarrata. I problemi dei danni dovuti alle alluvioni, insieme agli altri inerenti e derivanti dal rischio idrogeologico, saranno affrontati nella riunione con i Sindaci di Quarrata e Pistoia del 6 maggio 2014:

  • Intonaci interni ed esterni da rifare con malte speciali contro l’umidità fino a 2 metri di altezza
  • Impianti elettrici bassi tutti ossidati
  • Porte ingrossate a causa dell’acqua e che non chiudono più, da sostituire
  • Elettrodomestici incassati da riparare e/o sostituire
  • Inquinamento dei muri e orti da sostanze inquinanti (vedi analisi Arpat)
  • Danneggiamenti auto
  • Salute mentale, ogniqualvolta piove, viene un esaurimento nervoso (danno morale)
  • Cancelli elettrici
  • Giornate di lavoro perse
  • Svalutazione dell’immobile di residenza

 

Via di Mezzo domenica 2 febbraio 2014 (foto di Emanuela Ciottoli)
Via di Mezzo domenica 2 febbraio 2014 (foto di Emanuela Ciottoli)

I cittadini alluvionati dopo aver fatto presente tutto quanto elencato sopra, anche nell’assemblea ad Olmi (Parco Verde) del 6 febbraio 2014 e delle visite effettuate nelle loro case dal Sindaco, dal Vicesindaco e dai tecnici comunali, richiedono che siano presi seri e urgenti provvedimenti per togliere definitivamente l’acqua inquinata e l’immenso disagio dalle case.

È impossibile che dopo 5- 6 ore di pioggia (reticolo dei fossi minori tutto al collasso) non intensa si finisca tutti sott’acqua. Il Comune deve intervenire, oltre che con le sue opere, anche a rimettere a posto il reticolo dei fossi gestiti dai privati delle zone in questione, con ordinanze di immediato recupero della situazione precedente al disastro attuale, eliminando tutte le ostruzioni ed i rialzamenti e chiedono siano fatte immediatamente le opportune verifiche.

I cittadini, della frazione e delle case, interessati a questo disastro ripetuto e continuato nel tempo, non hanno più soldi da spendere, per rimettere a posto le loro case, così enormemente danneggiate e distrutte dall’incuria e dalla poca attenzione per il territorio. Questo continuo stillicidio e la situazione economica attuale ha prosciugato le loro tasche e quindi il Comune e tutti gli altri enti si devono muovere per risolvere questa situazione così delicata ed incancrenita nel tempo, immediatamente ed economicamente, con priorità assoluta.

Partecipazione e Collaborazione
Comitati contro le alluvioni

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento