quarrata. ECCO CHI SI È AGGIUDICATO L’EX OSPEDALE CASELLI

L’ospedale Caselli transennato

Con una offerta pari a 451 mila euro la Flo Identità Digitale srl di Firenze risulta al momento la nuova proprietaria dello storico edificio di via Larga. Resta il mistero sulla destinazione futura. Il consiglio comunale ignaro nonostante la pubblicazione della delibera sul sito della Asl Toscana Centro

La delibera pubblicata il 29 luglio scorso

QUARRATA. L’edificio dell’ex Caselli di via Larga a Quarrata è stato aggiudicato provvisoriamente a Flo Identità Digitale srl di Firenze per un importo pari a 451 mila euro, cifra ben superiore ai 360 mila euro fissato come importo a base d’asta.

Alla gara indetta dalla Asl Toscana Centro si era presentata anche la società romana Ad Casa srl con una offerta pari a 386mila euro.

Il verbale della seduta tenutasi a Firenze il 19 maggio scorso è stato pubblicato sul sito della Asl Toscana Centro il giorno stesso in cui, la sera, l’amministrazione comunale in consiglio comunale a Quarrata ha risposto ad una interrogazione presentata dal Movimento 5 Stelle nella quale si chiedevano notizie a tale proposito.

La cosa curiosa è che nel corso della discussione il sindaco stesso ha ammesso di non conoscere ancora l’esito di tale gara. Bastava – come abbiamo fatto noi oggi – consultare l’albo pretorio e precisamente la delibera n. 1107/2021 — “Presa d`atto delle risultanze della procedura ad evidenza pubblica per l’alienazione di immobile di proprietà aziendale posto nel Comune di Quarrata (PT), Denominato Ex Ospedale Caselli, Via Larga 22 esperita in data 19/05/2021. Approvazione verbale seduta. Aggiudicazione provvisoria”.

La società Flo Identità Digitale (in sigla Floid srl) è stata fondata nel 2017 ed ha come legale rappresentante Giampaolo Santi, residente nel comune di Carmignano.

Dal codice Ateco si tratterebbe di una agenzia di affari nel settore dei servizi di assistenza turistica non svolte dalle Agenzie di viaggio e quindi si occuperebbe di altri servizi di prenotazione connessi ai viaggi, prenotazioni di mezzi di trasporto, alberghi, ristoranti, noleggio di automobili, servizi ricreativi e sportive e servizi di gestione degli scambi di multiproprietà ma anche di servizi di assistenza ai visitatori (fornitura di informazioni turistiche ai viaggiatori) e attività di promozione turistica.

Ma torniamo al consiglio comunale del 29 luglio. Questa la risposta fornita dal sindaco Marco Mazzanti al capogruppo del Movimento 5 Stelle Gianni Nocera:

Il consiglio comunale del 29 luglio era ignaro della delibera

“L’alienazione dell’ex ospedale Caselli è una procedura interamente gestita dalla proprietà dell’immobile ovvero dall’Asl Toscana Centro. Il comune di Quarrata non ha alcun tipo di competenza  in questa fase di acquisizione dell’area. Le informazioni che abbiamo come amministrazione sono frammentarie e probabilmente non molto diverse rispetto a quelle in possesso del consigliere Nocera.

Quello che so è che la gara di alienazione dell’immobile ha avuto un esito positivo e che attualmente vi è una aggiudicazione provvisoria. Non conosco invece l’identità del vincitore, il prezzo di aggiudicazione e se vi sono problemi emersi a posteriori. Ad oggi non è stato presentato all’amministrazione comunale alcun cronoprogramma.

Aggiungo solo che di recente un tecnico del nostro territorio mi ha chiesto un appuntamento presentandosi come incaricato dalla società vincitrice della gara di alienazione. Poiché purtroppo per le motivazioni sopra esposte non posso rispondere in maniera soddisfacente alle domande poste dal Movimento 5 Stelle chiedo al capogruppo Nocera se posso trasmettere la sua interrogazione alla Asl facendo anche mie le sue richieste di informazioni per ottenere dall’ente competente risposte esaurienti non appena sarà possibile.

Finora infatti come ho detto l’azienda non ha fornito al comune tali notizie. Però non è tenuta neanche a farle”. 

Il consigliere Gianni Nocera che aveva introdotto l’argomento ha così concluso rispondendo al sindaco Mazzanti: “Se manda la nostra richiesta farebbe un piacere a noi e al consiglio comunale. Comunque mi pare di ricordare che il comune di Quarrata faccia parte della conferenza dei sindaci dell’Asl e che tale conferenza è un organismo rappresentativo, che fa indirizzo e controllo sulla attività socio sanitaria della Asl di Pistoia e quindi non vedo perché il sindaco non possa accedere a determinate informazioni che riguardano queste tipologie di intervento sul territorio quarratino.

C’è un’altra osservazione da fare: l’esito dell’affidamento di questa struttura e l’eventuale messa in funzione ha un impatto non soltanto sanitario ma anche economico sul territorio perché verrà attivato un sistema di indotto e di commercio anche intorno. Perché se la struttura avrà per dire un centro ortopedico verranno a crearsi dei piccoli negozi che vendono attrezzatura ortopedica; se sarà di aiuto alle persone anziane di contro ci sarà un indotto indirizzato a quella tipologia di servizio.

Quindi è fondamentale anche per programmare il contorno dell’area Caselli. Non soddisfatto della risposta”.

Ad alcuni dubbi abbiamo risposto noi di Linea Libera. Attendiamo ora sviluppi.

Andrea Balli

[andreaballi@linealibera.info]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email