quarrata. FOSSO FALCHERETO: CONCLUSI I LAVORI PER IL NUOVO ARGINE

L'opera è stata finanziata dalla Regione Toscana
L’argine del fosso Falchereto a Quarrata

QUARRATA. Il Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno ha appena concluso un’altra delle manutenzioni straordinarie affidatagli e finanziate dalla Regione Toscana nell’ambito del Documento Operativo Difesa del Suolo (DODS) 2019.

Su richiesta della Regione Toscana – Settore Genio Civile Valdarno Centrale e Tutela dell’acqua il Consorzio di Bonifica ha progettato e seguito l’esecuzione di un intervento di manutenzione straordinaria in destra idraulica del Fosso Falchereto poco più a monte della confluenza con il Torrente Stella in comune di Quarrata.

Qui il Consorzio è intervenuto a seguito della demolizione di un fabbricato dissestato denominato ‘Podere la Gora’ i cui volumi sono stati spostati ed allontanati dalla struttura arginale stessa su cui erano storicamente appoggiati; dapprima con l’acquisizione delle aree a demanio pubblico e poi per procedere alla ricostruzione dell’arginatura e della fossa con passaggio sotto l’argine verso campagna con il posizionamento di un nuovo sistema scatolare.

Si è trattato di una procedura complessa da un punto di vista urbanistico che ha visto operare in sinergia il Comune di Quarrata, per gli aspetti urbanistici ed edilizi, il Genio Civile per le proprie competenze in materia di polizia idraulica ed autorizzazioni idrauliche ed il Consorzio di Bonifica che ha fattivamente eseguito i lavori.

Prima dell’intervento

Grazie ad un’attività durata quasi due anni è stato possibile per la proprietà demolire e ricostruire l’immobile a distanze adeguate dall’argine che è stato poi ricostruito dando continuità al tratto interessato.

Il lavoro è stato poi relativamente agevole e a costo contenuto ma solo grazie ad una complessa attività propedeutica e alla costante attenzione che il Comune di Quarrata dimostra verso le tematiche del rischio idraulico.

L’importo dell’intervento pari a circa 80 mila euro è stato interamente finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del Documento Operativo Difesa del Suolo (DODS) 2019: “L’ennesima dimostrazione dell’ottimo funzionamento del sistema della Difesa del Suolo messo in atto dalla Regione Toscana, che attraverso le strutture tecniche del Genio Civile e l’operatività del Consorzio di Bonifica riesce a finanaziare e portare a soluzione sempre più situazioni di criticità idraulica” è il commento del Presidente del Consorzio Marco Bottino.

Durante i lavori

“Si tratta di un’opera che rappresenta un nuovo tassello per la riduzione del rischio idraulico di quest’area – ha detto l’assessore Federica Fratoni – È stato proprio grazie alla sinergia fruttuosa con il Comune di Quarrata che siamo riusciti, tramite una collaborazione a tre, tra Regione con il Genio civile, Comune e Consorzio di Bonifica, a dare esecuzione a un intervento direi raro di demolizione di un fabbricato che rappresentava un concreto problema per la sicurezza idraulica dei cittadini e del territorio”.

“La sicurezza idraulica – afferma il vicesindaco di Quarrata Gabriele Romiti – rappresenta un impegno prioritario per la nostra Amministrazione e una necessità per la salvaguardia di un territorio, come il nostro, così fragile dal punto di vista idraulico ed idrogeologico.

L’intervento sul Falchereto rappresenta un chiaro esempio di quanto sia importante e proficua la collaborazione tra tutti gli enti che si occupano di ambiente, assetto idraulico, sorveglianza e manutenzione delle arginature. Ringrazio dunque tutti coloro che hanno contribuito a raggiungere questo obiettivo, che deve rappresentare non la conclusione, ma una tappa di un percorso per la sicurezza ambientale ed idraulica del nostro territorio”.

[consorzio medio valdarno]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email