quarrata. I RAGAZZI DEL SERVIZIO CIVILE SCOLASTICO INCONTRANO GLI ANZIANI IN RSA

Una interessante iniziativa inserita nel progetto WelComE – Welfare e Comunità Educante

Rsa videochiamata

QUARRATA. Uno scambio a distanza tra generazioni lontane, tra nonni e nipoti che non si conoscono ma che hanno voglia di mettersi in contatto e passare del tempo insieme.

“Sarebbe bello poter fare un po’ di compagnia a chi è solo”, dicono i ragazzi della scuola media Dante Alighieri dell’ICS Bonaccorso da Montemagno di Quarrata. Nasce così l’idea di raggiungere via Google Meet gli ospiti delle RSA della zona, di far incontrare nonni e adolescenti per un’ora alla settimana in cui leggere racconti e poesie, e condividere un momento di socialità intergenerazionale fra chiacchiere e cultura.

Tutto questo avviene nell’ambito di “WelComE – Welfare e Comunità Educante“, un progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo nazionale per il contrasto della povertà educativa minorile, portato avanti dall’Associazione di Volontariato Pozzo di Giacobbe insieme a numerosi partner, fra cui anche l’Istituto Comprensivo Bonaccorso da Montemagno.

Ad oggi le residenze coinvolte nell’iniziativa sono tre: l’RSA Le Lame di Agliana, il Centro di Riabilitazione Turati e l’RSA Villone Puccini di Pistoia.

Il lunedì e il mercoledì alle 14:30 si avviano le call, i nonni raggiungono la sala comune con il maxischermo dove possono vedere gli studenti, ognuno collegato dalla propria casa. E così anziani e ragazzi si scambiano consigli di lettura, opinioni sugli autori, raccontano esperienze e aneddoti.

“Abbiamo lanciato l’idea insieme ad alcune insegnanti, e le adesioni tra i ragazzi sono state subito moltissime” racconta Benedetta Tesi, responsabile educativa del progetto WelComE. “Oggi partecipano alle videochiamate circa 70 ragazzi in gruppi di 6/7 alla volta; si organizzano da soli dividendosi i paragrafi e i brani da leggere ad ogni collegamento”.

Gli incontri in videoconferenza sono uno spunto di conversazione e di relazione; sono un esempio di quella scuola coraggiosa che esce dalle aule e incontra la città, la vita, il mondo reale, e allarga il suo punto di vista facendosi educare non solo dalla didattica, ma anche dalla comunità e dalle persone che ne fanno parte. Perché tutti, ciascuno con le proprie unicità, possiamo diventare parte attiva dell’educazione dei più piccoli.

Ad oggi le call con i nonni sono programmate fino alla fine della scuola.

INFORMAZIONI

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minori[1]le. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org.

www.percorsiconibambini.it/welcome

www.pozzodigiacobbe-onlus.org/welcome

[ulivi — pozzo di giacobbe]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email