quarrata & lavoro. MOBILITÀ PER 60 DIPENDENTI DELL’AZIENDA BARDI

Proclamato lo stato di agitazione e avanzata la proposta di utilizzare il contratto di solidarietà in alternativa ai licenziamenti
untitled
Il logo dell’azienda quarratina

QUARRATA. La Bardi spa, storica e leader azienda di salotti di Quarrata (con sede in via Statale a Olmi), tra le maggiori realtà imprenditoriali del settore con oltre il 90 % della produzione destinato all’esportazione, ha aperto una procedura di mobilità, dandone formale notizia, come previsto dalla legge 223/70 ai lavoratori e alle organizzazioni sindacali.

Una notizia che era già da tempo nell’aria e che ora è stata ufficializzata dai sindacati Fillea Cgil e Filca Cisl. I lavoratori interessati sono una sessantina.

I lavoratori stessi in base a quanto dichiarato dai sindacati “hanno respinto con determinazione la volontà dell’azienda reputando la scelta aziendale, per affrontare la crisi, miope e sbrigativa, in grado solamente di aumentare la già grave situazione del territorio quarratino”.

“I lavoratori – spiegano ancora i sindacati – rivendicando la strategicità di ogni posto di lavoro, manifestano la volontà di impedire la perdita dei posti di lavoro. In tal senso è stato proclamato lo stato di agitazione e fin dai primi incontri hanno avanzato la proposta di utilizzare il contratto di solidarietà in alternativa ai licenziamenti. A tale richiesta, l’azienda ha espresso perplessità confermando la volontà dei licenziamenti, riservandosi una generica possibilità di approfondimento”.

“Fillea Cgil e la Filca Cisl – conclude la nota – si associano alle richieste dei lavoratori ritenendole responsabili, lungimiranti e utili: non è con i licenziamenti che si affronta la crisi”.

[comunicato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento