quarrata. MORTO GIAMPIERO MENICI, IL MACELLAIO DI CASINI

I funerali domani, lunedì 7 novembre, alle 10, nella chiesa della frazione
Giampiero Menici
Giampiero Menici

QUARRATA. [a.b.] Lutto a Casini per la scomparsa di Giampiero Menici, titolare della rinomata macelleria presente nella frazione dagli anni settanta. Una istituzione.

Giampiero, era figlio di Arrigo, il Frusta, proprietario di una macelleria dal 1968. Sin da quando aveva sedici anni Giampiero affianca il padre nell’attività che rileva alla sua morte.

Il giovane si rimbocca le maniche e aiutato dalla moglie Laura che lo affiancherà sul lavoro per 25 anni, inizia a gestire la macelleria. Vicino a Giampiero, il nipote Massimo Giovannetti, figlio della sorella Mary e il figlio Andrea.

I Menici a Casini oltre alla macelleria gestiscono anche una gastronomia. Giampiero era grande appassionato per il suo lavoro. La sua macelleria ha annoverato tra i suoi clienti moltissimi ciclisti ex professionisti che hanno frequentato la Vellutex.

Si legge in una intervista rilasciata al Tirreno nel 2004: «Ripresi il negozio da mio padre che chiamavano Frusta e che era già famoso per come lavorava la carne. Addirittura il parroco in una rivista della parrocchia scrisse che “chi voleva la carne fresca si doveva rivolgere al macellaio Frusta la cui carne faceva gusto”».

«Il nostro segreto – aveva aggiunto – è la passione per il nostro lavoro. Scelgo ad esempio il vitello quando ancora è vivo e non mi stanco di lavorare la carne a mano. Senza contare che qui si trovano, tutti i giorni, animali difficile da acquistare altrove. Abbiamo sempre la pecora, l’agnello e i fegatelli cotti nel lardo».

I funerali di Giampiero Menici si terranno domani lunedì 7 novembre alle ore 10 nella chiesa di Casini.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento