quarrata. PER IL PD LA SICUREZZA HA UN COLORE POLITICO: IL SUO

La Lega Nord spiega il motivo del ritiro delle tre mozioni presentate nel consiglio comunale di giovedì
Nella foto di Innocenti un tratto della pista ciclopedonale sul torrente Stella

QUARRATA. Nella seduta del consiglio comunale di ieri sera all’ordine del giorno le tre mozioni della Lega Nord, tutte scaturite dal bisogno di sicurezza, controllo del territorio e di una seria prevenzione dei reati.

Per tutte le mozioni i gruppi di maggioranza (Pd e Noi per Quarrata) hanno presentato un proprio emendamento che di fatto andava a stravolgere le richieste del gruppo del Carroccio per cui i consiglieri Pamela Colombo e Giancarlo Noci hanno deciso di ritirarle.

Visto che in base alle richieste del gruppo Pd quanto chiedevano veniva stravolto completamente vanificandole e rendendole prive di efficacia piuttosto che vederle approvate emendate la Lega Nord ha ritirato i tre punti all’ordine del giorno, dopo la presentazione e il dibattito, con l’apprezzamento degli altri gruppi consiliari di opposizione.

Nella prima mozione la Lega Nord chiedeva Sicurezza delle frazioni collinari e adozione di sistemi di videosorveglianza. In particolare Colombo e Noci auspicavano l’istallazione di sole 14 telecamere nelle vie d’accesso che, dal centro o dalla frazioni di pianura portano alle colline favorendo così il controllo del territorio.

L’emendamento del Partito Democratico si impegnava ad un generico aumento delle telecamere non tenendo conto dell’importanza strategica delle vie di accesso alle zone collinari.

Noci e Palombo (Lega Nord Quarrata)

La seconda mozione era improntata a chiedere una vigilanza dinamica delle piste ciclabili. “Lega Nord — si legge in un comunicato del Carroccio locale — chiedeva semplicemente una saltuaria vigilanza da parte della Polizia Municipale sulla ciclopedonabile Fausto Coppi che da Valenzatico porta alla Querciola. Pista completamente sprovvista di qualsiasi controllo”.

Il Pd nel suo emendamento annullava completamente la richiesta dicendo di volere continuare l’opera di monitoraggio. “Abbiamo ritenuto questo emendamento inaccettabile e drastico nei confronti della nostra mozione che chiedeva invece una seria prevenzione e un controllo delle piste ciclabili”.

Nella terza mozione, quella sul  graduale aumento dell’organico della Polizia Municipale i rappresentanti della Lega Nord (vista la carenza di organico di circa 10 unità ed i sempre più gravosi e numerosi compiti ad essa affidati) chiedevano e impegnavano la Giunta e il Sindaco a programmare a medio termine nell’arco del corrente mandato un piano di assunzioni di 1 – 2 agenti all’anno, in rispetto ai vincoli posti dalle varie leggi di stabilità.

Il Pd ha emendato modificando  “elaborare piani assunzionali che tengano conto delle esigenze di rafforzamento dell’organico della Polizia Municipale in coordinamento con le esigenze degli altri uffici”.

“ Per noi della Lega Nord — prosegue la nota— le stesse modifiche proposte dal Pd vanno in conflitto con la deliberazione di Giunta Comunale nr 88 del 11/08/2017 ove sono previste per il 2017 quattro assunzioni di dipendenti comunali, ma non agenti di Polizia Municipale, mentre secondo la delibera di cui sopra non risulterebbero possibili assunzioni per il biennio 2018/19.

Queste mozioni, giudicate di buon senso anche da parte di tutte le altre forze di opposizione, se non emendate in questo modo brutale e private di ogni significato, sarebbero state accolte da un voto positivo delle stesse come da dichiarazione di voto dei capogruppo ”.

“I consiglieri delle Lega Nord Giancarlo Noci e Pamela Colombo — conclude il comunicato — ritirando le mozioni hanno subito un’attacco politico da parte della maggioranza che non ha tenuto conto che queste mozioni non hanno colore politico perchè la sicurezza è un bene primario di tutti i cittadini anche in considerazione dei recenti fatti di cronaca che negli ultimi giorni stanno avvenendo in tutta Italia e le cronache dei giornali ne sono piene e come gli esponenti del Gruppo Lega Nord hanno evidenziato nell’introduzione delle mozioni stesse”.

[ Andrea Balli ]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

5 thoughts on “quarrata. PER IL PD LA SICUREZZA HA UN COLORE POLITICO: IL SUO

  1. Presente ieri sera in Consiglio Comunale, Condivido in pieno la decisione della Lega Nord di NON presentare le 3 mozioni emendate dal PD: gli emendamenti ne avrebbero stravolto il fine e le modalità di realizzazione.
    Questa maggioranza parla di sicurezza e lascia che le zone più isolate come le piste ciclabili o il parco della Querciola non siano assolutamente sorvegliate…Hanno preferito non rinunciare agli emendamenti piuttosto che approvare le mozioni della Lega. Qui si mette in gioco la sicurezza dei Quarratini solo per il colore della mozione!
    Inoltre, in barba alla sicurezza dei cittadini,
    si realizzano piste ciclabili non illuminate e si pretende che siano anche sicure!!! 😠
    Aspettiamo naturalmente il fattaccio di cronaca!!!

    Luigina Di Lorenzo (da facebook]

  2. E ci risiamo… l’opposizione propone buone mozioni… la maggioranza vuole farsele sue!!!
    Perché non è concesso, in questo comune, che l’opposizione abbia avuto una buona idea!!! Ecco il loro concetto di partecipazione e democrazia!!!
    #strategiadigiocoscorretto #calpestataladignitàpolitica
    #lademocraziaèmorta.

    Irene Gori (da facebook)

  3. La maggioranza del Comune di Quarrata è questa. Questo è quello che sanno fare, nulla di più. È inutile chiedere uno slancio di buon senso, piuttosto che di intelligenza. Possiamo ritenerci fortunati se copiano le idee altri, e disgustati quando se ne appripriano cime proprie. Pensa se facessero soltanto quello che esce dalle loro menti. Dovrebbero essere in ogni modo i cittadini di Quarrata a valutare.

    Marco Gori (da facebook)

  4. Doveva, a mio parere, essere chiesto il voto sull atto originale. Per un semplice motivo. Rimaneva agli atti che erano contro. È una maggioranza antipartecipativa. Basti pensare che sulla partecipazione nella legislatura 2007 2012 presentammo una mozione con le stesse parole del loro programma e votarono contro. Poi presentammo una mozione votata dal Pd a Agliana sulla raccolta rifiuti e votarono contro (il tutto è agli atti). Riescono a contraddirsi in tutto perché non c è programmazione e rispetto.

    Daniele Ferranti (da facebook)

  5. Da spettatore ciò che ho visto è stato pietoso : tre mozioni che qualsiasi persona di buo senso avrebbe sostenuto non avendo colore politico andando nell’interesse di tutti sono state emendate in modo da privarle di qualsiasi significato e efficacia per cui il termine giusto non è emendate ma annullate.
    Inoltre i Consiglieri di maggioranza che hanno presentato gli emendamenti presi in castagna da quelli di opposizione hanno dimostrato di non aver letto prima le Mozioni.
    Nel caso di quella sulla vigilanza delle piste ciclabili la Consigliera del PD ha detto “non ci sono soldi in Bilancio”(probabilmente era distratta anche in campagna elettorale visto che di soldi è emerso essercene troppi) ma il bello è che se avesse letto la mozione avrebbe capito che era praticamente a costo zero visto che venivano chiesti saltuari passaggi della Polizia Municipale con i motocicli già in dotazione al Corpo…che dire invito tutti a andare a vedere la registrazione del Consiglio,e magari la prossima volta a parteciparvi come spettatori in particolare chi ha votato PD per rendersi conto di chi ci amministra.

    Stefano Nigi (da facebook)

Lascia un commento