quarrata. PGRA E ALLUVIONI, LE RICHIESTE DEI CITTADINI

I Comitati intervengono sul Prga-Piano gestione rischio alluvioni ribadendo al Pd locale e agli altri partiti le proprie posizioni. Accolte positivamente le osservazioni sul progetto della Senice
Manetti a Ferruccia nell'incontro sul Pgra con l'assessore Fratoni
Manetti a Ferruccia nell’incontro con l’Assessore Fratoni

QUARRATA– [a.b.] Dopo il comunicato del segretario comunale del Pd, Angelo Lucianò,  arriva la risposta ferma, precisa e dettagliata dei cittadini alluvionati e inquinati al Partito Democratico e a tutti gli altri partiti e liste civiche del Comune di Quarrata.

A proposito del Pgra – piano gestione rischio alluvioni – il comitato della piana – Legambiente e l’Associazione per la tutela del Territorio chiedono la collaborazione di tutti.

“Per quanto riguarda il rischio idrogeologico e ambientale – affermano Daniele Manetti e Niccolò Lucarelli – non deleghiamo niente a nessuno  e vogliamo risolvere attraverso  la partecipazione con nostre proposte e osservazioni  le enormi problematiche ambientali della nostra piana”.

Il 2 dicembre scorso i cittadini di fronte all’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni e a un folto pubblico hanno ribadito la propria posizione ufficiale nel corso di un incontro promosso da Gabriele Giacomelli (capogruppo consiliare Pd a Quarrata) presso il Circolo Mcl La Tranquillona.

La Piana Pistoia-Prato
La Piana Pistoia-Prato

Le stesse osservazioni  erano state espresse anche in Regione Toscana l’8 ottobre scorso e durante una successiva visita nelle frazioni della piana quarratina il 15 dicembre con il responsabile del rischio idrogeologico della Regione Toscana ingegner Marco Masi.

“Rischio idrogeologico  e Pgra: non svegliamoci soltanto ora! Serve – concludono Manetti e Lucarelli – una posizione netta sul Comune di Pistoia, che è la causa di quasi tutti i nostri guai per le alluvioni, derivanti da acque alluvionali basse ed alte”.

Intanto come da accordi presi con l’assessore regionale tra  febbraio e marzo sarà indetta una nuova riunione sul territorio per fare il punto della situazione.  Novità importanti si rilevano sul fronte del progetto della Senice.

A quanto deciso ieri in un incontro presso l’ufficio tecnico del Comune di Quarrata – presenti  Daniele Manetti (Legambiente), Niccolò Lucarelli (Associazione per la tutela del Territorio) oltre all’Ingegnere Marco Masi (Regione Toscana), al’ingegnere Piragino del Consorzio medio Valdarno, all’assessore Gabriele Romiti ed ai consiglieri Gabriele Giacomelli e Lisa Innocenti – sono state valutate positivamente le osservazioni fatte dai comitati e proprio per questo si dovrebbe aprire un confronto tra le parti al fine di individuare le soluzioni migliori per fronteggiare il rischio idrogeologico nella zona.

“È stato fatto – dichiara Daniele Manetti – un piccolo grande passo. Per la prima volta, forse il video girato, forse per l’insistenza dei cittadini e il supporto considerevole dato dalla stampa e dai blog, è iniziato un vero processo partecipativo con la presa in considerazione ufficiale delle nostre osservazioni. Modificheranno i progetti e continueremo a portare avanti il tutto in collaborazione con i cittadini e gli enti pubblici interessati. Non era mai successo finora!”.

Nel video sottostante la posizione ufficiale su Piano Gestione Rischio Alluvioni e alluvioni nella piana pistoiese

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “quarrata. PGRA E ALLUVIONI, LE RICHIESTE DEI CITTADINI

  1. Sebbene ci siano due associazioni come ( l’ associazione per la tutela del territirio di Caserana) e ( legambiente di Olmi ) che lottano in continuazione, sul problema di rischio idrogeologico e del P.G.R.A.( piano gastione rischio alluvioni) sia le istituzioni che la politica fanno quasi sempre orecchie da mercante! Alle insistenze di dette associazioni, le loro risposte sono quasi sempre queste: si vedrà, si farà, non ci sono i soldi, ecc.
    Così i problemi dei cittadini non vengono mai risolti.
    Il rischio idrogeologico è un problema serio, e se non vengono presi provvedimenti quanto prima, andrà sempre peggiorando sotto tutti i punti di vista.
    Come referente delle sopra citate associazioni, faccio un appello a tutti i cittadini,di seguirci il più possibile nelle nostre azioni che sono sempre democratiche e partecipative. Se siamo tutti uniti qualcosa si potrà certo ottenere!!!

    Oreste Vannucci

Lascia un commento