«RADDOPPIO FERROVIARIO, COSA SUCCEDERÀ IN VALDINIEVOLE?»

treno a serravalle
La linea ferroviaria a Serravalle

VALDINIEVOLE. Per quanti anni abbiamo sentito parlare del raddoppio ferroviario in Valdinievole? Ormai da molto tempo, tanto da far dissolvere il progetto dall’immaginario collettivo facendolo sembrare una leggenda metropolitana. Recentemente il tema è tornato ad interessarci in seguito al decreto-legge detto “Sblocca Italia”, con cui si è dato il via libera ai fondi destinati alla realizzazione dell’opera, nel silenzio più totale delle amministrazioni locali che, invece di comunicare ai cittadini il progetto ed aprire con loro un dibattito pubblico ed un percorso partecipativo, preferiscono decidere tra loro a porte e finestre chiuse.

Il progetto della tratta da Pistoia alla stazione di Montecatini-Monsummano è già definitivo con gara di appalto chiusa e 254 espropri in corso di terreni e fabbricati!

È prevista la chiusura di entrambi i passaggi a livello di Pieve con la realizzazione di un poco raccomandabile sottopasso pedonale presso Piazza XXVII Aprile e un sottopasso carrabile all’altezza delle officine Minnetti, del quale però non si conoscono date di realizzazione, facendo temere anni ed anni di viabilità insostenibile. Non si conoscono inoltre i criteri e le motivazioni tecniche che giustifichino un sottovia che si troverà a diversi metri di profondità praticamente nell’alveo del torrente Nievole.

La stazione centrale di Montecatini
La stazione centrale di Montecatini

Il tratto che attraversa Montecatini in corso di definizione, prevederà invece – per quello che ad oggi è dato sapere – la chiusura della storica stazione in centro (a svantaggio di turisti e pendolari) e la chiusura dei tre passaggi a livello esistenti con la realizzazione di due sottopassi viari, limitati ad un’altezza di 3 metri e quindi vietati ai pullman ma anche alla maggior parte dei mezzi di soccorso, con ampie rampe che stravolgerebbero le vie e le piazze limitrofe a via Marruota/via Manin e via Tripoli/largo Kennedy. L’architetto Roberto Cianciosi, pievarino informato ed esperto della materia, circa sei anni fa aveva proposto alle amministrazioni locali uno studio alternativo che valuta parziali sopraelevazioni della via ferrata. Altre soluzioni sarebbero ancora probabilmente possibili.

Il Movimento 5 Stelle, pur considerando importante il trasporto di persone e merci su rotaie, chiede che le amministrazioni tutelino il territorio e coinvolgano la cittadinanza rispettando il suo diritto di essere informata in merito ai progetti che nei prossimi mesi coinvolgeranno/travolgeranno lo status quo ed il futuro di tutti.

  • Movimento 5 Stelle Buggiano
  • Movimento 5 Stelle Lamporecchio
  • Movimento 5 Stelle Monsummano Terme
  • Movimento 5 Stelle Montecatini Terme
  • Movimento 5 Stelle Pieve a Nievole

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento