raddoppio ferroviario. M5S: «DUE PROGETTI DA RFI E SCELGANO I CITTADINI»

Giacomo Giannarelli, capogruppo M5s in Consiglio Regionale

FIRENZE. “I raddoppi ferroviari sono una priorità, per realizzarli noi useremmo un metodo più lineare e partecipato del Pd: prima Rfi presenta i progetti, poi i cittadini e le amministrazioni scelgono tra questi quello migliore. A dirlo Giacomo Giannarelli, capogruppo del M5S al consiglio regionale della Toscana.

“Oggi invece il Partito Democratico ha deciso un tetto di 478 milioni per un’opera della quale, per buona parte, i cittadini non hanno visto neanche un disegno.

Per questo – afferma – chiediamo che la Regione esiga da Rfi almeno due progetti con le varie soluzioni tecniche possibili – a raso, sopraelevata o ulteriori – sulla tratta Montecatini-Pescia e le sottoponga ad un dibattito pubblico.

Dibattito pubblico richiesto dal comitato Montecatiniunasola in rispetto della legge regionale, cui RfiI ancora non ha mai dato risposta”.

“Nel nostro atto al voto del prossimo Consiglio Regionale di martedì – aggiunge Giannarelli – chiediamo inoltre che la Giunta regionale si impegni ad attivare quel tavolo istituzionale proposto nella riunione del 16 febbraio tra Rfi Regione e Sindaci coinvolti, pubblicando un calendario programmato delle riunioni.

Cristiano Berti

Passiamo dalle parole ai fatti, bene il tavolo ma diteci quando si riunisce e in quante occasioni. Infine raccogliamo le istanze di cittadini e comitati di Pieve a Nievole nel pretendere che i progetti attesi da RFI includano i passaggi pedonali”.

“Ad oggi noi non sappiamo cosa il Sindaco si sia detto con Rfi. La nostra mozione approvata nell’ultimo consiglio – ha spiegato Cristiano Berti del M5S di Montecatini Terme – prevede l’istituzione di un tavolo comunale aperto, dove le soluzioni attese da Rfi siano discusse in modo collegiale per evitare che, come accaduto sino ad oggi, i cittadini non vengano informati su quanto deciso dall’alto. Una soluzione deve essere trovata, non decidere e lasciare un binario solo con la chiusura dei passaggi a livello non è una soluzione”.

“È necessario – conclude – che il committente Regione chieda ad Rfi di presentare almeno due progetti alternativi con le opere compensative necessarie alla gestione della viabilità da presentare alla città attraverso tale tavolo comunale aperto. Solo così si potrà valutare la soluzione migliore”.

Il video della conferenza stampa

[gruppo regionale m5s toscana)

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento