RAPPORTO SULLA SCUOLA PISTOIESE

Pubblicazione rapporto scuola

PISTOIA. La dodicesima edizione del Rapporto sulla scuola pistoiese a.s. 2013-14, elaborato dall’Osservatorio scolastico provinciale contiene, oltre ai dati riferiti all’anno scolastico esaminato, anche la reportistica del periodo compreso tra l’a.s. 2007/2008 e 2012/2013.

Nell’anno scolastico 2013/14 il sistema statale di istruzione provinciale conta complessivamente 38.991 alunni articolato in 73 scuole dell’infanzia, 78 scuole primarie, 29 secondarie di primo grado e 25 di secondo grado, per un totale di 24 istituti comprensivi e 16 istituti superiori di secondo grado, oltre alle scuole paritarie .

Nel territorio pistoiese la scelta della scuola superiore si è articolata per l’anno scolastico 2013/14 in circa il 41% di indirizzi liceali, il 31% verso gli istituti professionali e il 28% di studenti che prediligono istituti tecnici; dato particolarmente interessante, in quanto caratterizza l’intera struttura del sistema scolastico pistoiese che vede una maggiore consistenza di studenti dirigersi verso istituti professionali, rispetto ai percorsi formativi che caratterizzano la altre province toscane, con una percentuale del 10% in più oltre la media regionale e con un trend costante .

Il tema della mobilità degli studenti assume particolare rilievo e importanza in un territorio vasto e geograficamente molto diversificato come quello della provincia di Pistoia: se il fenomeno della mobilità attraversa solo in maniera marginale le scuole primarie e le secondarie di primo grado, nella scuola secondaria superiore, al contrario, i flussi generati dagli studenti che si spostano fra le aree provinciali per assolvere alla propria formazione risultano particolarmente consistenti. Nell’anno scolastico 2013/14 il corpo studentesco delle secondarie di secondo grado ha raggiunto le

13.613 unità, di cui 11.559 (pari all’85%) residenti in provincia di Pistoia, mentre la componente esogena, ossia gli studenti residenti fuori provincia, è costituita da 2.054 ragazzi, pari al 15%, in crescita di un punto percentuale

Nell’area di Pistoia il 78,8% degli studenti frequenta una scuola superiore dislocata nella stessa area, mentre la restante quota comprende l’11% di provenienze dalla Val di Nievole e il 9% dal territorio provinciale di Prato.

Nella zona Val di Nievole sono il 68,7% gli studenti provenienti dalla medesima area, mentre quasi l’8% è residente nell’area Pistoiese e osserviamo una presenza significativa di studenti residenti nella provincia di Lucca (11,5%), il 5,4% nella provincia di Prato e quasi il 4% provenienti dalla provincia di Firenze.

La presenza degli alunni di cittadinanza non italiana nelle scuole del territorio provinciale pistoiese ha ormai assunto un carattere e una dimensione stabile, frutto di flussi consolidati e stratificati nel tempo.

Rispetto all’incremento verificatosi dall’anno scolastico 2007/08 con un aumento in termini numerici di 667 unità rispetto al 2013/14, corrispondente al 23%, tuttavia il numero di alunni non italiani iscritti nel sistema pistoiese ha registrato una diminuzione in valore assoluto di 288 unità nell’anno scolastico 2103-2014 pari a una flessione percentuale dell’8% rispetto all’anno precedente.

Uno fra gli indicatori primari per analizzare la complessa realtà del disagio scolastico è l’indice di ritardo, al cui interno si accumulano eventi pregressi quali bocciature, ritiri, ritardi di inserimento, e calcolato tramite il rapporto tra alunni in età superiore a quella prevista dalla classe di frequenza e alunni iscritti.

Complessivamente il trend degli ultimi anni mostra un progressivo, anche se lieve, miglioramento dell’incidenza dei ritardi sia livello provinciale che delle singole aree, scendendo di tre punti percentuale negli ultimi quattro anno scolastici, ossia dal 33,1% del 2010/11, all’attuale 30,7% riferito agli istituti superiori.

Nell’anno scolastico 2013/14, gli alunni con disabilità, iscritti nelle scuole pistoiesi risultano complessivamente 1.247, in crescita di 142 unità nell’ultimo anno e con una incidenza sul totale della popolazione scolastica pari al 3,2%.

Confrontando i dati provinciali disaggregati per ordine di scuola notiamo che la provincia di Pistoia si distingue per l’incidenza percentuale più alta di inserimento di alunni disabili in tutti e tre gli ordini scolastici, sia rispetto alla media regionale che alle altre province.

Sensibilmente al di sopra della media regionale nella scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado: nella primaria il valore registrato nel territorio pistoiese supera di 0,6 punti percentuale quello regionale nel primo grado è più elevato di 1,2 punti e nel secondo grado di 1,3 punti percentuale .

Se da un lato l’offerta formativa sul territorio pistoiese è piuttosto ampia, tra licei, istituti tecnici e professionali, dall’altro i percorsi di Istruzione e Formazione Professionale propongono un’offerta altrettanto variegata di corsi triennali al termine dei quali è possibile ottenere un attestato di qualifica.

L’offerta dei percorsi di IeFp risulta variamente distribuita nel territorio provinciale; principalmente trova la sua più alta concentrazione nel comune di Pistoia, presso gli istituti Ipaa Barone C. de Franceschi, l’Ipsc Luigi Einaudi e l’Ipsia Antonio Pacinotti, che accoglie complessivamente 752 iscritti, il Comune di Pescia presso l’Iis Sismondi Pacinotti con 622 iscritti e Montecatini Terme presso l’Ipsia F. Martini che accoglie 943 iscritti per un totale di 2.317 allievi.

[provincia di pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento