RECANATI. CULTURA SÌ, MA QUALE?

Il colle dell'Infinito a Recanati
Il colle dell’Infinito a Recanati

IN UN QUALSIASI altro Paese con la P maiuscola non se ne sarebbe mai dovuto parlare: l’ermo colle, quello che ispirò Leopardi a comporre l’Infinito, sarebbe un luogo di culto, meditazione, ma anche e soprattutto tappa obbligata per turisti italiani e no desiderosi di provare a capire, senza riuscirci, naturalmente, cosa sprigionò nel poeta di Recanati quella non-vista maestosa.

Da noi, invece, il quotidiano romano Il Messaggero ha dovuto aprire una campagna di mobilitazione e sottoscrizione affinché nessuno si permetta di cementificare quell’unico colle al mondo. I primi ad esporsi sono stati gli spagnoli degli atenei di Madrid, Granada e Valladolid, seguiti, a ruota, dagli universitari di Città del Messico, posti questi nei quali, probabilmente, si sta male-bene come da noi, ma con un senso di rispetto, sacrale e riconoscente, a chi, in quella terra, ha visto cose che gli altri umani non avrebbero potuto nemmeno immaginare.

fragole & sangue

redazione@linealibera.info

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento