redarguiti (e trasparenti). LA SIGNORI PUBBLICA FINALMENTE IL NUOVO SITO DELLA MISERICORDIA CON I CONTRIBUTI PUBBLICI

Dopo oltre tre mesi di oscuramento del sito internet della Misericordia di Agliana, viene oggi strombazzata la sua riapertura dalla stampa strutturata che però nulla dice sulle pregresse violazioni sulla disciplina della trasparenza per i contributi pubblici per i servizi in convenzione

È arrivata la trasparenza integrale, ma dopo 8 anni dall’avvio della nostra inchiesta sull’affaire Mangoni/Turelli/Misericordia

AGLIANA. La Presidente della Misericordia di Agliana Ilaria Signori annunciando il nuovo sito internet dell’Associazione l’ha presentato con orgoglio dicendo “…mesi di lavoro per renderlo facilmente accessibile a tutta la cittadinanza”.

Ha ragione la Signori e con questa excusatio manifesta ci lusinga assai, visto che il sito venne chiuso subito dopo la festa della Misericordia nella Ss. Festività della Madonna l’8 Dicembre scorso.

Allora abbiamo denunciato la mancanza dei bilanci aggiornati (Legge 127) e soprattutto perché in violazione di legge – la mancanza dei prospetti che riportano le contribuzioni pervenute dalle varie agenzie pubbliche, per prestazioni eseguite in convenzione (Asl Toscana, Regione Toscana, 5 per mille).

Al tavolo delle autorità vedete qualche collega?

Questo non lo ha detto e non lo scrive nemmeno la stampa strutturata, notoriamente attovagliata alle cene sociali della Confraternita.

La Nazione e il Tirreno, non hanno mai rilevato la mancanza della pubblicazione dei contributi pubblici che sono obbligo di trasparenza

Ci piace constatare che l’oscuramento è avvenuto subito, all’indomani del nostro articolo di denuncia e da ciò possiamo dirci davvero onorati di sapere che il Magistrato (definizione ampollosa del Consiglio direttivo di ogni Misericordia) ci legge, e come bene e attentamente!

Una parola di apprezzamento anche all’autorevole fiscalista Fabrizio Poggiani che dopo che abbiamo contestato il ritardo al rilancio dell’home page dei “misericordes di Agrumia”, immaginiamo abbia forse contribuito al prolungamento del periodo di quasi 90 giorni per la predisposizione dei prospetti dei contributi pubblici, finalmente aggiornati ai termini di legge 127.

È la trasparenza, bellezza!

Insomma, il servizio di social watchdog (che piace anche alla Pg della Procura di Pistoia, come presto vi diremo) ha funzionato: il cane ha abbaiato, e la Misericordia ha – con un bel ritardo – aggiornato il sito web con le formalità richieste dalla legge e in modo finalmente trasparente.

Altri tempi, rispetto a quando in Misericordia vigeva la gestione protezionistica (ma a chi serviva?) e la Simonetta diceva ai cittadini che volevano iscriversi al sodalizio, che avrebbero avuto in visione lo Statuto solo dopo all’accettazione della domanda: era il 2013 e sono stai necessari quattro anni per vedere lo Statuto on line, ma soprattutto la nostra inchiesta sulla vicenda delle parcelle dei professionisti Mangoni/Turelli, pagate a colpi di decreto ingiuntivo e con il costo di una lite giudiziale.

Allora, cari lettori, vi piace la stampa che abbaia e scuote i palazzi o la stampa che parla di sagre della frittella e che siede al banchetto con chi dovrebbe controllare?

Alessandro Romiti

[alessandroromiti@linealibera.info]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email