referendum. VOTO GRANITICO DEL PD: LA DELUSIONE DI “PISTOIA POSSIBILE”

I prossimi impegni del comitato pistoiese “Articolo 3 Possibile Pistoia”
Pistoia Possibile per il no
Pistoia Possibile per il no

PISTOIA. Chiunque, negli ultimi tempi si fosse compiaciuto, o avesse lamentato l’esistenza di divergenze o, addirittura, di lotte fratricide nel Partito Democratico pistoiese, fra “Renziani” e “Sinistra interna”, come se si trattasse di una riproduzione, in scala ridotta, di quanto avviene in ambito nazionale, lunedì 19 settembre è stato recisamente smentito dal voto granitico del gruppo del Pd (13 consiglieri cui si è aggiunto il sindaco, con 2 assenti) contro l’ordine del giorno sottoscritto dai consiglieri dell’opposizione Sforzi, Semplici, Billero, Gallacci, Del Bino, Capecchi, Giorgi, Tomasi.

Una delegazione del comitato “Articolo 3 Possibile” di Pistoia, impegnato, all’interno del locale comitato per il No, contro la riforma Renzi-Boschi, ha assistito alla seduta del consiglio comunale di lunedì scorso con la speranza che l’ordine del giorno venisse votato, così com’era avvenuto in altri consigli comunali a guida Pd, non solo dall’opposizione, ma anche da chi, nel Partito Democratico, essendo in discussione le profonde modifiche apportate dalla maggioranza del parlamento sulla legge fondamentale dello Stato, ossia la Bibbia laica del popolo italiano, scegliesse di far prevalere la propria coscienza critica e la propria autonomia di pensiero sugli ordini di partito e sugli orientamenti della giunta, magari astenendosi, o uscendo dall’aula.

sala consiliare
Parla Bartolomei

Le nostre attese sono state deluse ed abbiamo peraltro preso atto della compattezza, a Pistoia, di tutti gli eletti nella lista del Pd alle indicazioni della maggioranza renziana.

Conseguenza di tale constatazione è la riflessione che si è aperta all’interno del comitato pistoiese, in considerazione, anche, degli orientamenti di Possibile ovunque in opposizione al Pd.

Dopo la pausa dovuta alla settima edizione del Politicamp, conclusasi domenica 18, il partito guidato da Pippo Civati ha ripreso il Tour Ri-Costituente, che questa estate lo ha portato in molte regioni e città, per sostenere le ragioni del No e per presentare le proprie idee e proposte per il Governo del Paese e delle realtà locali, arrivando anche a Pistoia nel mese di ottobre.

Al Politicamp di Reggio Emilia e di Salerno è stato tracciato l’identikit delle politiche di cui ha davvero bisogno l’Italia, in grado di correggere le sacche di inefficienza della macchina pubblica e di liberare le potenzialità inespresse del paese, senza perdere di vista i più deboli, i “precari” in senso lato, i detentori di diritti, la tutela dell’ambiente e del paesaggio, in nome di valori quali l’uguaglianza, la giustizia sociale e la solidarietà.

Articolo 3 Possibile sarà in strada venerdì 23 e 30 settembre e per tutto il mese di ottobre ogni venerdì dalle 21:30 alle 24 nel largo Dante De Petri (scalinata che porta da Via Roma a Piazza dell’Ortaggio) e tutti i sabato mattina dalle 9:30 alle 12:30 per incontrare i cittadini e diffondere materiali informativi sulle ragioni del No e sulla propria proposta politica per il Paese e per Pistoia.

Comitato Articolo 3 Possibile Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento