regionali. LISA INNOCENTI: «SOTTOVALUTATA LA CRISI DELLO SPORT, PER EFFETTO SIA DI CARENZE STRUTTURALI CHE DELLA PANDEMIA»

Per la candidata di Italia Viva le politiche di promozione delle attività sportive sono essenziali contro il degrado morale

Lisa Innocenti al PalaCarrara

PISTOIA. L’importanza dello sport di base in Toscana la dicono i numeri: 1 milione di persone che lo praticano, 400 mila tesserati, 10 mila società affiliate e 20 mila istruttori. La candidata Lisa Innocenti dichiara: «dovremo fare in modo che più impianti possibili siano nelle condizioni di stare aperti nel rispetto dei protocolli anti-contagio» e «favoriremo il potenziamento degli impianti sportivi su tutto il territorio provinciale».

«Mi ci metto anche io, che pure conosco da vicino l’importanza della disciplina sportiva come educazione all’impegno lavorativo e antidoto alla violenza e altre forme di degrado quali le droghe e l’alcolismo. In questa campagna elettorale non abbiamo parlato abbastanza dello stato di crisi in cui versa lo sport in questo momento nel nostro territorio, fra emergenza Covid e carenza di strutture. Ma questa sarà una delle tematiche più importanti da affrontare nel prossimo mandato, nei limiti delle competenze regionali, perché lo sport è salute e formazione della qualità morale delle persone».

È quanto dichiara Lisa Innocenti, candidata di Italia Viva alle regionali nel collegio pistoiese, a commento delle ultime giornate di dibattito elettorale in Toscana. «Nel mio programma elettorale le politiche per lo sport sono al terzo posto – aggiunge la coordinatrice di Italia Viva Pistoia – e comprendono la questione del reperimento di fondi per l’adeguamento del PalaCarrara e l’attivazione di un percorso per la progettazione di una piscina olimpionica per Pistoia».

«Più in generale – continua Lisa Innocenti – ci impegneremo per favorire il riammodernamento e potenziamento degli impianti sportivi su tutto il territorio provinciale, invitando i Comuni a dare in gestione gli impianti per almeno 20 anni con incentivi per le ristrutturazioni anche in project financing con privati, concedendo sgravi fiscali alle associazioni sportive interessate e prestiti a tasso zero per far fronte alle conseguenze dell’epidemia». «Quanto sia cruciale il settore – chiosa la candidata – lo dicono i numeri: circa 1 milione di persone che praticano sport in Toscana, 400 mila tesserati e 10 mila società affiliate, senza trascurare i 20 mila istruttori».

«Dovremo fare in modo – conclude la candidata di Italia Viva Pistoia – che più impianti possibili siano nelle condizioni di stare aperti nel rispetto dei protocolli anti-contagio, in modo da consentire a più persone possibili di praticare i loro sport. Questo obiettivo si intreccia con la questione dell’adeguamento degli impianti».

[sandiford — innocenti]

                                                   

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email