REGIONE E TRASPARENZA DEGLI ATTI. LE NORME SONO CAMBIATE

Susanna Cressati
Susanna Cressati

FIRENZE. Susanna Cressati, direttore di Toscana Notizie. Agenzia di Informazione della Giunta Regionale, scrive:

Caro direttore Bianchini,
ho letto con attenzione il pezzo uscito su “linealibera.info” con il titolo Case di vetro: «Ma il popolo è proprio necessario che sappia?» e ti ringrazio, oltre che per la consueta attenzione riservata dalla tua testata alle attività della Regione Toscana, anche perché mi fornisci l’occasione per una informazione di interesse generale: di recente la Regione ha modificato le norme in questione, migliorandole in favore del diritto dei cittadini a conoscere gli atti pubblici.

La legge regionale di riferimento (la 23/2007) è stata infatti modificata all’articolo 18 (quello sulle “banche dati”) attraverso un’altra legge (la numero 6 del 5 febbraio 2014), a sua volta resa necessaria dal decreto legislativo 33/2013 che ha riordinato in modo radicale gli obblighi di “pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni” da parte delle pubbliche amministrazioni.

Il 3 marzo 2014, la Giunta Regionale ha infine approvato una delibera (la 148) in cui, oltre a revocare il precedente atto del 2007, viene disciplinata la “banca dati” relativa agli atti amministrativi della Giunta regionale.

La delibera si sofferma sui tre strumenti della Regione Toscana per concretizzare questo principio di trasparenza: il Bollettino Ufficiale, la banca dati degli atti amministrativi, la sezione “amministrazione trasparente” nel sito web istituzionale.

Vengono anche indicati, a titolo di esempio, le categorie di atti per i quali deve essere esclusa la pubblicazione. Ed è questa la parte più utile per fornire una risposta davanti alla obiezione contenuta nel pezzo citato (“Non esiste un articolo specifico nel quale si dica invece, con chiarezza ciò che non è soggetto a pubblicazione/pubblicità”).

Come vedi più sotto, vengono riassunte in due le categorie di atti per i quali sono obbligatori limiti di pubblicazione: “atti per i quali ricorrono esigenze di protezione dei dati personali” e “atti esclusi da pubblicazione in applicazione di norme specifiche”.

Faccio presente, rispetto ai 10 atti citati nel pezzo pubblicato in “linealibera.info”, che almeno 7 di essi, con le nuove regole, sarebbero stati integralmente pubblicati. Per la precisione quelli riportati ai numeri 1-2-3-4-5-8-10.

Penso di aver risposto in modo esauriente e ti ringrazio ancora. Qui sotto il punto 6 (“Atti non pubblicati sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta Regionale”) dell’allegato alla delibera 148 del 3 marzo 2014.
Cordiali saluti

Susanna Cressati

• • •

Sono io che ti ringrazio, cara collega, per l’accurata chiarezza con cui hai dissipato certi nostri dubbi.

Buon lavoro a te come direttore e ai tuoi redattori del prezioso “Toscana Notizie. Agenzia di Informazione della Giunta Regionale”.

Cari saluti

Edoardo Bianchini

• • •

6. Atti non pubblicati sulla banca dati degli atti amministrativi della Giunta Regionale

L’art. 18 della l.r. 23/2007 dispone la pubblicazione degli atti amministrativi della Giunta regionale nel rispetto dei limiti alla trasparenza posti dal legislatore statale.

Tali limiti, indicati nell’art. 4 del d.lgs. 33/2013, si riferiscono principalmente alla protezione dei dati personali, per i quali il d.lgs. 196/2003 (art. 19) prevede che possono essere pubblicati solo se la loro diffusione è espressamente prevista da norme di legge o di regolamento, ai casi in cui è vietato l’accesso ai documenti amministrativi ai sensi dell’art. 24 commi 1 e 6 della l. 241/1990 ed al segreto statistico.

Qualora gli atti amministrativi contengano dati esclusi da pubblicità ai sensi della normativa statale ma indispensabili per la finalità dell’atto (e pertanto non collocabili in un allegato apposito come indicato al precedente punto 5), il dirigente competente ne dispone la pubblicazione per estremi in banca dati.

A scopo meramente esemplificativo e non esaustivo si elencano alcune categorie di atti per i quali va esclusa la pubblicazione.

La home page del Burt, il Bollettino Ufficiale della Regione Toscana
La home page del Burt, il Bollettino Ufficiale della Regione Toscana

6.1 Atti per i quali ricorrono esigenze di protezione dei dati personali

  • atti che contengono dati idonei a rivelare lo stato di salute e dati inerenti la vita sessuale indispensabili per la finalità dell’atto; (per tali dati esiste un tassativo divieto di diffusione ai sensi dell’art. 22 comma 8 e art. 60 del Codice Privacy).
  • atti relativi a procedimenti sanzionatori di competenza dell’Amministrazione e atti contenenti gli esiti di accertamenti – effettuati in sede ispettiva o di controllo – di natura amministrativa, contabile, fiscale quando la loro divulgazione possa recare pregiudizio al diritto alla riservatezza;
  • atti relativi alla difesa in giudizio dell’Amm.ne regionale e atti preordinati ad attività legali (transazioni, precontenzioso, contenzioso, consulenze) quando la divulgazione delle informazioni o notizie in essi contenute possa compromettere l’esito del giudizio o recare pregiudizio al diritto alla riservatezza;
  • atti di promovimento di azioni di responsabilità penale, amm.va, contabile e atti che contengono dati relativi a rapporti e denunce agli organi giudiziari e agli uffici di procura presso la Corte dei Conti quando siano nominativamente individuati soggetti per i quali si configura la sussistenza di responsabilità penali, amm.ve e contabili;
  • atti riguardanti il personale dipendente che contengano notizie sulla situazione familiare, professionale, finanziaria;
  • atti riguardanti il trattamento economico individuale (stipendiale, accessorio, pensionistico, di fine rapporto, di cessione del quinto, di missioni e trasferte) del personale dipendente, in servizio e in quiescenza, ad eccezione di quanto di quanto espressamente previsto nella normativa vigente, quale l’art. 15 comma 1 lettera d) del d.lgs. 33/2013;
  • atti che contengono valutazioni e giudizi – relativi a procedure non concorsuali – attinenti i comportamenti organizzativi e le caratteristiche attitudinali del personale dipendente;
  • atti concernenti l’assunzione a carico del bilancio regionale degli oneri di difesa in relazione a procedimenti penali o civili aperti nei confronti di amministratori e dirigenti regionali.

6.2 atti esclusi da pubblicazione in applicazione di normative specifiche

  • Atti che contengono dati coperti da segreto di Stato o divieto di divulgazione (esclusi anche dall’accesso ai sensi dell’ art. 24 comma 1 l. 241/1990)
  • atti che contengono dati coperti da segreto statistico ai sensi dell’ art. 9 l. 322/1989;
  • in relazione alle procedure concorsuali gestite dalla Regione, ai sensi dell’art. 13 del d.lgs. 163/2006, atti che contengono: – le informazioni fornite dagli offerenti nell’ambito delle offerte ovvero a giustificazione delle medesime, che costituiscano, secondo motivata e comprovata dichiarazione dell’offerente, segreti tecnici o commerciali; – eventuali ulteriori aspetti riservati delle offerte, da individuarsi in sede di regolamento; i pareri legali acquisiti per la soluzione di liti, potenziali o in atto, relative ai contratti pubblici; – le relazioni riservate del direttore dei lavori e dell’organo di collaudo sulle domande e sulle riserve del soggetto esecutore del contratto. “atti con i quali la Giunta regionale impartisce indicazioni di voto ai propri rappresentanti nelle società partecipate (art. 24 L. 241/90);
  • atti che contengono informazioni tecniche concernenti imprese pubbliche o private la cui divulgazione possa dar luogo ad indebita concorrenza e atti che contengono informazioni tecniche relative a progetti, studi e realizzazioni dell’ingegno tutelati dalle specifiche normative in materia di brevetto (art. 98 e 99 d.lgs. 30/2005);

[susanna cressati – dir. toscana notizie. ag. inf. giunta reg. – susanna.cressati@toscana-notizie.it]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento