REGIONE, IL VALZER DELLE POLTRONE

Ed ecco la Cadrega o... Pianta Stabile dei politici nostrali
La Cadrega o Pianta Stabile dei politici nostrali e dei loro amati Dirigenti

FIRENZE. La pratica dello spoils system americano, opportunamente italianizzato – un posto all’amico dell’amico non si nega a nessuno – continua a ritmi serrati in Regione Toscana e non accenna ad arrestarsi.

Per rendersi conto dell’attività senza sosta e del lavoro immane a cui i nostri rappresentanti democratici sono chiamati, basta aprire l’indice dell’ultimo Burt, la Gazzetta Ufficiale delle Leggi della Regione, del 12 agosto (vedi: Parte II n. 32 del 12.08.2015) e pensatela in termini di costi, in Italia ce ne sono altri 19; oppure consultare i precedenti; ed è così dall’inizio della nuova legislatura regionale.

I decreti di nomina di Giunta o del Presidente Enrico II si sprecano:

  • Nomina del Direttore Generale dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana (Arpat) alla Dott.ssa Maria Sargentini
  • Conferimento incarico di Direttore della Direzione “Organizzazione e sistemi informativi” alla dott. ssa Carla Donati
  • Conferimento incarico di Direttore della Direzione “Ambiente ed Energia” al Dr. Edo Bernini
  • Conferimento incarico di Direttore della Direzione “Agricoltura e sviluppo rurale” al Dr. Roberto Scalacci
  • Conferimento incarico a scavalco della Direzione “Cultura e ricerca” a far data dal 1° agosto 2015 al Direttore Dr. Albino Caporale.
  • Nomine dei componenti del Consiglio di Amministrazione e nel Collegio Sindacale in Fidi Toscana Spa, nella cui mission aziendale c’è l’organizzazione di operazioni di project financing. Controllori e controllati nominati dallo stesso ente.
  • E poi conferimenti di deleghe à gogo e ricostituzioni varie di commissioni
L’abito non fa il monaco, ma il partito fa la cadrega…
L’abito non fa il monaco, ma il partito fa la cadrega

Un lavoraccio! Un immenso puzzle dove le tessere – l’accostamento cade a fagiolo – vanno collocate tutte al posto giusto: vanno provate e riprovate e anche cambiate.

Fra questi nominati dalla grazia di Sua Grazia il Granduca, spunta l’investitura del nuovo commissario di Area Vasta Sud-Est conferita a Valtere Giovannini in sostituzione della Dr.ssa Monica Piovi nominata commissario, il 9 aprile scorso, insieme agli altri due Commissari da Area Vasta: il Dr. Edoardo Michele Majno, Area Vasta Nord-Ovest; e il Dr. Rocco Donato Damone, Area Vasta Centro.

La Dr.ssa Monica Piovi, in questo valzer delle poltrone, si è infatti dimessa dall’incarico precedentemente assunto, per ricoprire il ruolo precedentemente ricoperto dalla stesso Giovannini di direttore della direzione “Diritti di cittadinanza e coesione sociale” della Giunta Regionale, nomina conferitagli il 24 luglio scorso con altro editto di Enrico II Granduca-Presidente della Giunta Regionale.

Qui tacque il teologo e si asciugò il sudore – citazione da Eugenio Montale.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “REGIONE, IL VALZER DELLE POLTRONE

  1. Valtere s’è laureato con calma, è del 51 e ha conseguito il titolo nel 95.
    Poi non ha fatto niente altro che sgonnellare tra questi preti rossi dagli appetiti trimalcionici.
    Duralla !

  2. Oltre a indicare il curriculum di Giovannini e Piovi, sarebbe il caso di riservare una certa attenzione anche alla figura ed all’opera, e quindi al curriculum medesimo, della sig.ra Carla Donati, personaggio invero piuttosto chiacchierato negli ambienti regionali, con pochissimi dei miei ex colleghi disposti a scommettere sulle sue reali capacità, ed assai dubbiosi sugli effettivi meriti che la hanno condotta nel tempo ad occupare vari posti di responsabilità.
    E nel dire ciò, tralascio di approfondire il discorso (altri, più informati di me potranno farlo) su quanto, nella carriera della sig.ra Donati abbia contato il “rapporto ravvicinato del terzo tipo” che la sig.ra medesima, in un certo punto della sua vita, avrebbe avuto con il sig. Enrico Rossi.
    Piero

Lascia un commento