regione & rifiuti. FINISCE TUTTO ALLA CORTE DEI CONTI

E una serie di comitati ricorrono alla magistratura per l’ipotesi di danno erariale. Come si profila il caso nella strafamosa “Toscana in-Felix”
Corte dei Conti
Corte dei Conti

FIRENZE. Cominciate a leggere il documento che segue. E, quando arrivate in fondo, aprite e stampate l’allegato. Poi continuate a leggere.

In séguito riflettete bene su quanto è successo e quanto è stato segnalato alla Corte dei Conti.

Quello che viene indicato è stato fatto con i soldi delle tasse e delle imposizioni varie della “Toscana infelix”…

Un esempio brillante di come siamo amministrati…

ESPOSTO: sintesi documentazione presentata a Procura della Corte dei Conti della Toscana

I firmatari dell’esposto:

  • – COMITATO MAMME NO INCENERITORE ONLUS
  • – ASSEMBLEA PER LA PIANA CONTRO LE NOCIVITÀ
  • – COORDINAMENTO DEI COMITATI DELLA PIANA DI FIRENZE
  • – COORDINAMENTO DEI COMITATI PER LA SALUTE DELLA PIANA DI PRATO E PISTOIA
  • – ASSOCIAZIONE MEDICINA DEMOCRATICA SEZIONE Firenze
  • – WWF ITALIA ONLUS
  • – FORUM AMBIENTALISTA
  • – ITALIA NOSTRA ONLUS – Sezione Toscana
  • – ZERO WASTE ITALY
  • – CENTRO STUDI QUADERNI DI ONTIGNANO

Con il presente atto si portano all’attenzione della Procura comportamenti omissivi degli amministratori della società pubblica “QUADRIFOGLIO SPA Servizi Ambientali Area Fiorentina” e dagli amministratori dei Comuni soci e legati con contratto di servizio a Quadrifoglio spa che fanno ipotizzare un danno erariale di rilevante entità, per causa del mancato raggiungimento degli obiettivi minimi di Raccolta Differenziata (RD) alle percentuali fissate dall’art. 205/1 dlg 152/2006 (Testo unico ambientale-TUA) e dall’art. 1 comma. 1108 della L. 296/2006, obiettivi di seguito riportati:

  • almeno il trentacinque per cento entro il 31 dicembre 2006;
  • almeno il quaranta per cento entro il 31 dicembre 2007;
  • almeno il quarantacinque per cento entro il 31 dicembre 2008;
  • almeno il cinquanta per cento entro il 31 dicembre 2009;
  • almeno il sessanta per cento entro il 31 dicembre 2011;
  • almeno il sessantacinque per cento entro il 31 dicembre 2012”;

In relazione a tale circostanza si prospettano maggiori costi per la messa a discarica di rifiuti indifferenziati e minori corrispettivi provenienti dai consorzi di filiera del riciclo, causa il minore quantitativo di materiali ad essi conferiti. L’attenzione si concentra sul bacino di Quadrifoglio spa, in ragione della maggiore produzione di rifiuti dell’Area Metropolitana Fiorentina rispetto ad altre aree.

L’ipotesi di danno erariale

Sul sito della Agenzia Regionale Recupero Risorse (www.arrr.it) si sono esaminate, per gli anni 2008-2014 (poiché ad oggi non sono stati ancora pubblicati i dati 2015), le certificazioni delle raccolte differenziate nei singoli comuni gestiti da Quadrifoglio spa:

http://www.arrr.it/it/osservatorio-rifiuti/rifiuti-urbani-e-raccolte-differenziate/certificazioni-raccolte-differenziate/dati-certificati.html

Continua scaricando il documento: 16-11-15-cstampa-danno-erariale

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento