regolamento denojantri. UNA MOZIONE DI CHIARIMENTO

Il prossimo mercoledì 28, ultima in elenco sarà presentata la proposta dell’opposizione sulla scandalosa vicenda del regolamento Sa di polizia municipale
Rino Fragrai, commissario dem aglianese

AGLIANA. Possiamo scrivere: tanto tonò che piovve! Nella scandalosa vicenda del “Regolamento denojantri” ecco il primo atto di denuncia e sintesi alla narrazione della sequela di vicende che, hanno già visto il Pd assumersi a difensore incondizionato di Fragai, Betti, Nanni e Nesti, con la coda dei soggetti interessati al più magico e fantasioso regolamento, unico e davvero prototipo dei “regolamenti d’Italia” per la polizia municipale.

Non serve aggiungere altro alla elencazione dei fatti narrati, viene solo da domandarci: quale Pd si schiera a difesa del pasticciaccio? È infatti noto che sull’argomento il Partito ha visto la contrazione dei muscoli facciali di molti dei partecipanti all’assemblea generale (tenuta al Packy bar la scorsa settimana) con espressioni di disgusto e anche qualche malcelata nota indignazione.

La mozione sarà destinata alla discussione all’ultimo punto dell’ordine de giorno del Consiglio Comunale di mercoledì 28.

Da non perdersi per gli amanti del brivido.

Oggetto: richiesta di una “Commissione di indagine” in merito al Regolamento Sa di Polizia municipale fra i comuni di Agliana e Montale.

Su proposta dei consiglieri Fabrizio Baroncelli (FdI-An) e Luca Benesperi (Obiettivo Agliana),

                                                                          V I S T E 

  • La comunicazione consegnata dall’Assessore Rino Fragai e alla Commissione congiunte del 9.10.2018, priva di data, oggetto, destinatari, firme, riportante la sigla “Rsu Agliana”;
  • La successiva comunicazione Rsu Agliana del 29.10.2018;
  • Preso atto della lettera di dimissione della componente Amalia Vuono della Rsu Agliana del 18.10.2018;
  • Le due lettere dell’Isp. Lara Turelli indirizzate all’Ass. Fragai (del 13.10.18 e la successiva del 29.10.2018) in risposta a quella dell’Assessore Fragai del 19.10.2018;
  • La comunicazione e-mail della coordinatrice Rsu Agliana Dott.ssa Ornella Pellegrineschi del 25.10.2018;
  • Le dichiarazioni mendaci del Sindaco Betti e dell’Assessore Fragai espresse più volte e con arrogate insistenza, durante la “Commissione congiunta 1” del 9.10.2018 in merito a quanto dichiarato dalle Rsu di Agliana e Montale;
  • La lettera del Dirigente Comandate Andrea Nesti, scritta nelle sue funzioni, all’Ass. Rino Fragai del 5.10.2014 e protocollata il 6.11.2018;
  • Preso atto di quanto riferito dall’agente Amalia Vuono agli altri componenti Rsu in merito all’avvenuta consultazione dei colleghi di settore della P.m., sul citato Regolamento.
  • Il verbale della riunione delle OO.SS. del 7.11.2018
  • Il parere delle Rsu di Montale redatto senza alcuna consultazione del personale della P.M. di Montale
  • La comunicazione delle Rsu Montale e Agliana del 6.11.2018
  • Vista la copiosa produzione giornalistica assicurata dal giornale in linea “Linea Libera”, nonché gli articoli comparsi sulla stampa locale, non ultimo quello comparso su La Nazione in cui si dice che il “Pd appoggia l’Assessore Fragai”;

    Estratto da La Nazione

                                                         C O N S I D E R A T O      C H E,

  • Il citato “Regolamento di S.a. di Pm” non è stato anticipatamente consegnato per una preventiva “presa di visione” ai dipendenti del S.a., né dalle Rsu, né dalla Responsabile del Servizio Dott.ssa Paola Nanni;
  • Le dichiarazioni dell’agente Vuono che, tra l’altro in qualità di Pubblico Ufficiale, ha espresso dichiarazioni che sono risultate contrastanti con la verità dei fatti;
  • Le dichiarazioni dell’Assessore Fragai e del Sindaco Betti, sono state smentite dalla verità dei fatti emersi e pertanto dichiarazioni pubblicamente mendaci in una pubblica sessione;
  • Ai sensi dell’art. 28 e 29 del Regolamento comunale per l’istituzione e il funzionamento delle Commissioni consiliari, le Commissioni di indagine devono essere costituite con criterio proporzionale dei gruppi consiliari nominando Presidente e Vicepresidente, tra i membri di opposizione.

                                                                            V I S T O

  • l’art. 44 del Tuel; lo Statuto comunale; il Regolamento del funzionamento del Consiglio comunale; l’Art. 28 e 29 del Regolamento comunale per l’istituzione e il funzionamento delle commissioni d’indagine, controllo e garanzia;

                                                                   R I T E N U T O

opportuno istituire una Commissione d’indagine, ai sensi dell’art. 29 dello Statuto comunale e dall’art. 28 e 29 del Regolamento del Consiglio comunale, al fine di:

  • stabilire la modalità di redazione del nuovo Regolamento del Servizio associato di Polizia municipale fra i Comuni di Agliana e Montale, individuandone il redattore incaricato;
  • definire la modalità di svolgimento della Commissione congiunta n°1 (Montale – Agliana), con Presidente Dott.ssa Gianna Risaliti e Avv. Rachele Santini;
  • qualificare le corrispondenze intercorse tra le due Amministrazioni per la definizione del testo del contestato regolamento, includendo le e-mail intercorse tra i vari uffici;
  • conoscere la dinamica dei fatti al fine di verificare le dichiarazioni mendaci dei componenti delle Rsu di Agliana e Montale, nonché quelle dell’assessore Fragai e del Sindaco Betti;
  • di provvedere a informare il sig. Prefetto Dott.ssa Emilia Zarrilli, nonché la Procura della Repubblica competente delle vicende in questione;

                                                                       I M P E G N A

Anche la stampa organica ha trattato la vicenda

l’Amministrazione comunale, ai sensi dell’art. 29 del vigente Regolamento comunale a istituire un’apposita commissione di indagine, al fine di far luce sulla redazione del Regolamento de qua e la gestione della commissione congiunta n°1 (Montale Agliana); sui metodi e rapporti intercorsi dalle due Amministrazioni e i componenti delle Rsu di Agliana e Montale nonché con i dipendenti dei corpi di Pm dei due Comuni in merito al nuovo regolamento del Servizio Associato di Polizia Municipale fra i Comuni di Agliana e Montale.

Ciò al fine di consentire lo svolgimento di una doverosa attività ispettiva e di controllo da parte dell’Organo consiliare, ne l’esercizio delle proprie funzioni e il cui fine sarà esclusivamente quello di accertare fatti e comportamenti con funzioni solo referenti e non deliberanti, acquisire atti e provvedimenti degli Organi del comune, dei responsabili degli uffici e servizi coinvolti direttamente e indirettamente nella gestione riportata in oggetto, nonché i documenti adottati dalle Rsu dei due Comuni e dai sindacati provinciali. 

Tutto quanto detto sopra con funzioni solo referenti e non deliberanti come disposto al comma 2 dell’art. 29 del regolamento del Consiglio comunale.Di dare atto che alla Commissione di indagine così costituita viene attribuito un termine di mesi uno per la presentazione della relazione finale al consiglio comunale.                                                                               

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “regolamento denojantri. UNA MOZIONE DI CHIARIMENTO

Lascia un commento