“RESISTERE PER L’ARTE”, QUANDO LA BELLEZZA SI OPPONE ALL’ORRORE

Sabato 31 ottobre, alle 16, nel teatrino della villa medicea la presentazione del libro di Alessia Cecconi sulla difesa del patrimonio artistico in Toscana durante la II Guerra Mondiale
La statua equestre di Cosimo I de' Medici da piazza della Signoria viene trasportata alla Villa medicea di Poggio a Caiano per essere messa al sicuro durante la seconda Guerra Mondiale
La statua di Cosimo I da piazza della Signoria portata a Poggio a Caiano durante la guerra

POGGIO A CAIANO. La bellezza dell’arte che non si piega all’orrore della guerra. È questo il tema di fondo del libro Resistere per l’arte: guerra e patrimonio artistico in Toscana di Alessia Cecconi, direttrice della Fondazione Centro di Documentazione Storico-Etnografica Valbisenzio e Montemurlo, che sarà presentato sabato 31 ottobre, alle 16, nel teatrino della Villa medicea di Poggio a Caiano.

L’evento è organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Poggio a Caiano, in collaborazione con il Polo museale della Toscana del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e la Fondazione Cdse.

Resistere per l’arte nasce dalla volontà di raccontare l’impegno della comunità civile toscana nella difesa del patrimonio artistico durante la seconda Guerra Mondiale e porta alla luce storie e personaggi sconosciuti o noti solo agli addetti ai lavori, senza i quali però tante preziose opere d’arte non sarebbero arrivate fino a noi. E proprio la Villa medicea di Poggio a Caiano è uno dei luoghi simbolo delle vicende narrate nel libro: al suo interno furono infatti messe al sicuro, con l’aiuto della comunità poggese, numerose opere d’arte, provenienti anche da Firenze e da altre zone della Toscana, sfuggite così ai bombardamenti e alla furia della guerra e restituite agli occhi del mondo.

Villa Medicea di Poggio a Caiano
Villa Medicea di Poggio a Caiano

La ricerca alla base del libro, durata due anni e sostenuta dalla Regione Toscana, è frutto di un’indagine capillare in diversi tipi di archivi – delle soprintendenze, di Stato, privati e degli istituti storici della Resistenza – e nel fondo della Roberts Commission a Washington, e ha permesso di ritrovare numerosi documenti inediti riguardanti la storia della protezione del patrimonio artistico, dei musei e delle soprintendenze in Toscana durante la seconda Guerra Mondiale.

Il libro ricostruisce i fatti raccontando le vicende di 10 capolavori simbolo durante tutto conflitto. Collegata alla pubblicazione, anche la mostra fotografica e documentaria Bombing Art 1940-1945, l’autunno scorso alla Villa Del Mulinaccio a Vaiano.

La presentazione sarà arricchita dalla lettura di alcuni brani del libro a cura dell’associazione Altroteatro (con Carlo Belliti, Antonio Lombardi, Ciro Becchimanzi, Simone Margheri e Antonello Nave).

L’ingresso all’evento è gratuito, ma è necessaria la prenotazione telefonando allo 055 8701280 (dal lunedì al sabato, dalle 8.30 alle 13.30), oppure scrivendo a g.mazzoni@comune.poggio-a-caiano.po.it.

[comune poggio a caiano]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento