retata in piazza d’armi. L’INDIFFERENZA DEI GIOVANI DI COLORE E LA FIGURACCIA DELLO STATO

PISTOIA. Giorni fa ho assistito alla ‘retata’ di spacciatori in piazza della Resistenza, ove lo Stato ha mostrato uomini e mezzi senza economia rimediando, a mio parere, una pessima figura.

Dinanzi a tanta organizzazione che comprendeva il volteggio costoso di un elicottero a bassa quota, i numerosi signori africani presenti nel giardino non hanno mostrato alcuna emozione visibile: nessuno, cioè, si è mosso da dove si trovava.

Chi dormiva ha seguitato a dormire, chi telefonava ha proseguito la conversazione, chi fumava o passeggiava non si è curato minimamente dell’operazione in corso.

Quello che ha colpito i passanti, che come me si sono soffermati, è stata appunto la totale assenza di qualsiasi tipo di timore e di rispetto, cui il primo è strettamente collegato, verso i rappresentanti dell’autorità del paese che li ospita.

Nessuna fuga scomposta, nessuna ribellione, nessuna colluttazione tutto si è svolto in un clima di ‘collaborazione’ così totale da apparire sfacciata. La riflessione è semplice e scontata. Quel tipo di comportamento palesemente indifferente dinanzi ai militari rende benissimo l’idea di quello che si è creato quando la tolleranza si è trasformata in fiacca rilassatezza.

Evidentemente quei ragazzi, oggetto della ‘retata’ e non solo, loro hanno imparato benissimo quali siano i nostri limiti e le nostre debolezze, quelli dello Stato, delle autorità e, in definitiva, quelle di un popolo che non esiste.

Fiore di Monozzo

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento